Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.709,56
    -254,37 (-0,98%)
     
  • Dow Jones

    34.584,88
    -166,44 (-0,48%)
     
  • Nasdaq

    15.043,97
    -137,96 (-0,91%)
     
  • Nikkei 225

    30.500,05
    +176,71 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    71,96
    -0,65 (-0,90%)
     
  • BTC-EUR

    40.776,32
    -988,93 (-2,37%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.193,48
    -32,05 (-2,62%)
     
  • Oro

    1.753,90
    -2,80 (-0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,1732
    -0,0040 (-0,34%)
     
  • S&P 500

    4.432,99
    -40,76 (-0,91%)
     
  • HANG SENG

    24.920,76
    +252,91 (+1,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.130,84
    -39,03 (-0,94%)
     
  • EUR/GBP

    0,8535
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,0927
    +0,0013 (+0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4966
    +0,0044 (+0,29%)
     

L'uragano Eta devasta il Centro e il Sud America, vittime e sfollati - FOTO

L’uragano Eta, dopo aver seminato morte (il bilancio è di quasi 200 tra vittime e dispersi) e devastato alcune zone del Sud e del Centro America, continua la sua progressione verso altri stati del continente. Gli esperti lanciano un nuovo allarme e prevedono un suo rafforzamento nel weekend, specie quando passerà sul Mar dei Caraibi, con grave pericolo per Cuba, Giamaica e Florida meridionale.

Oltre un centinaio di persone sono morte nei villaggi indigeni nel nord del Guatemala per le frane causate dalla tempesta e dal vento che ha superato i 240 km/h. Eta ha ucciso anche molti cittadini di Panama, Honduras, Costa Rica e Nicaragua. Migliaia gli sfollati.

“Entro lunedì mattina, le forti piogge causate da Eta causeranno catastrofiche e pericolose inondazioni improvvise in parti del Centro America, oltre a smottamenti”, ha avvertito l’Hurricane Monitoring Center (NHC) degli Stati Uniti. Ecco intanto le immagini della devastazione delle ultime ore.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli