Italia Markets closed
  • FTSE MIB

    19.285,41
    +208,46 (+1,09%)
     
  • Dow Jones

    28.335,57
    -28,09 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.548,28
    +42,28 (+0,37%)
     
  • Nikkei 225

    23.516,59
    +42,32 (+0,18%)
     
  • Petrolio

    39,78
    -0,86 (-2,12%)
     
  • BTC-EUR

    11.047,80
    +1,61 (+0,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    260,05
    -1,40 (-0,54%)
     
  • Oro

    1.903,40
    -1,20 (-0,06%)
     
  • EUR/USD

    1,1868
    +0,0042 (+0,3560%)
     
  • S&P 500

    3.465,39
    +11,90 (+0,34%)
     
  • HANG SENG

    24.918,78
    +132,65 (+0,54%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.198,86
    +27,45 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,9096
    +0,0063 (+0,69%)
     
  • EUR/CHF

    1,0723
    +0,0000 (+0,00%)
     
  • EUR/CAD

    1,5567
    +0,0044 (+0,28%)
     

Questo favoloso castello in Toscana è in vendita. Ma nessuno lo vuole

MTT

Il Castello di Sammezzano, presso la località Leccio, nel comune di Reggello in provincia di Firenze, è un’opera unica, irripetibile e attualmente in vendita. Ma sembra che non ci sia nessuno disposto a investire dei soldi per mantenerlo grandioso. Certo, il costo è elevato: l’ultima base d’asta era 16,2 milioni di euro.

Il capolavoro dell’architettura neomoresca, o se volete orientalista, è in vendita dal maggio 2017, ma le aste per aggiudicarselo sono sempre andate deserte. Il prezzo ovviamente è un forte limite per molti, ma i potenziali clienti sono molti. Nel maggio del 2017 una società con sede a Dubai aveva presentato un’offerta pari al valore d’asta, ma poi per via di un ricorso non era stato completato il passaggio di proprietà. La prossima asta sarà un pochino più conveniente, visto che il prezzo di base scenderà del 10%. L’ultimo proprietario è stato la società Sammezzano Castle, fallita nel 1999.

Chi si aggiudicherà il castello, grande 5.430 metri quadrati? Il nuovo proprietario entrerebbe in possesso non solo del maniero, iniziato nel 1605 e concluso nel 1885 sulla base (secondo una teoria locale) di un edificio di epoca romana, ma pure di un parco secolare da 65 ettari. L’ultima ristrutturazione è avvenuta nell’ottocento, appunto, con il lavoro di Ferdinando Panciatichi Ximenes d’Aragona.