Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.938,52
    -66,88 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.580,08
    -59,71 (-0,17%)
     
  • Nasdaq

    15.085,47
    -295,85 (-1,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.029,57
    +276,20 (+1,00%)
     
  • Petrolio

    66,22
    -0,28 (-0,42%)
     
  • BTC-EUR

    43.417,35
    -4.420,71 (-9,24%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.367,14
    -74,62 (-5,18%)
     
  • Oro

    1.782,10
    +21,40 (+1,22%)
     
  • EUR/USD

    1,1317
    +0,0012 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    4.538,43
    -38,67 (-0,84%)
     
  • HANG SENG

    23.766,69
    -22,24 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.080,15
    -27,87 (-0,68%)
     
  • EUR/GBP

    0,8550
    +0,0056 (+0,66%)
     
  • EUR/CHF

    1,0378
    -0,0019 (-0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4528
    +0,0056 (+0,39%)
     

In 14 pagine il dossier opposizione italiana a menzione per Prosek

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 9 nov. (askanews) - Quattordici pagine di dossier in cui è precisata la posizione italiana e le motivazioni tecniche, storiche e territoriali per cui l'Italia si oppone alla menzione geografica tradizionale per il Prosek croato, compresa l'iscrizione delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene nella lista del patrimonio mondiale Unesco e l'incompatibilità del riconoscimento della menzione tradizionale. Il dossier è stato trasmesso questa mattina all'attenzione della Commissione Europea ed è stato illustrato dal ministro delle Politiche Agricole Stefano Patuanelli e dal sottosegretario Marco Centinaio che ha la delega al settore vitivinicolo, nel corso di una conferenza stampa al Mipaaf, a cui hanno preso parte anche i presidenti dei consorzi interessati: Conegliano Valdobbiadene, Prosecco Doc, Colli Asolani e l'Associazione Patrimonio delle Colline Unesco.

La Croazia ha ora 60 giorni di tempo per le controdeduzioni, e l'Italia rappresentata dal Mipaaf avrà a sua volta diritto di controreplicare insieme a tutti coloro che hanno presentato già l'opposizione. Tra cui i tre consorzi, e le regioni interessate.

"Le motivazioni per cui ci opponiamo alla denominazione tradizionale Prošek sono ben solide e rappresentate nel documento che abbiamo inviato alla Commissione, tra le principali c'è la questione della omonimia tra la denominazione Prošek e la Dop", ha sottolineato Patuanelli.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli