Italia markets close in 6 hours 43 minutes
  • FTSE MIB

    25.380,62
    +29,02 (+0,11%)
     
  • Dow Jones

    34.838,16
    -97,31 (-0,28%)
     
  • Nasdaq

    14.681,07
    +8,39 (+0,06%)
     
  • Nikkei 225

    27.641,83
    -139,19 (-0,50%)
     
  • Petrolio

    71,58
    +0,32 (+0,45%)
     
  • BTC-EUR

    32.454,39
    -1.134,82 (-3,38%)
     
  • CMC Crypto 200

    936,56
    -24,34 (-2,53%)
     
  • Oro

    1.807,90
    -10,20 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    1,1888
    +0,0011 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    4.387,16
    -8,10 (-0,18%)
     
  • HANG SENG

    26.194,82
    -40,98 (-0,16%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.119,97
    +3,35 (+0,08%)
     
  • EUR/GBP

    0,8538
    -0,0013 (-0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0749
    +0,0004 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,4867
    +0,0025 (+0,17%)
     

152 licenziamenti alla Gianetti, l'accordo governo-parti sociali è già superato

·1 minuto per la lettura
Ceriano Laghetto, chiude la Gianetti Ruote: a casa 158 dipendenti (Photo: Gedi)
Ceriano Laghetto, chiude la Gianetti Ruote: a casa 158 dipendenti (Photo: Gedi)

Gli operai di turno sabato alla Gianetti Ruote di Ceriano Laghetto, in provincia di Monza e Brianza, non immaginavano che quello sarebbe stato l’ultimo giorno di lavoro. Non della settimana, ma per sempre. Quando alle cinque del pomeriggio sono usciti dallo stabilimento che produce cerchioni per i camion della Volvo e dell’Iveco, ma anche quelli per le moto della Harley-Davidson, hanno ricevuto una mail. Alcuni l’hanno letta dal telefonino, altri dal pc appena arrivati a casa. Oggetto della comunicazione inviata dall’azienda: chiusura dello stabilimento. Dentro sette righe: “Con la presente si informano tutti i dipendenti addetti allo stabilimento di Ceriano Laghetto che con effetto dalla data odierna lo stabilimento rimarrà chiuso. Con lettera di pari data della presente è stato dato avvio alla procedura di licenziamento collettivo”.

Questa non è solo la storia di 152 licenziamenti. È una storia simbolo del mondo produttivo italiano per almeno due ragioni. La prima è che lo stabilimento chiude dopo 108 anni, ma soprattutto dopo una storia recente fatta di continui cambi di proprietà che l’hanno indebolito invece di rilanciarlo. I processi di delocalizzazione che hanno portato Maxion e Accuride/Mefro, i principali concorrenti, a investire in Paesi come Turchia, Russia e Cina, dove il costo del lavoro è più basso, non sono stati rimpiazzati da strategie capaci di governare una competizione che si è fatta negli anni più selvaggia e più dura. E così lo stabilimento di Ceriano Laghetto ha perso 59 milioni negli ultimi dodici anni. La seconda ragione: l’avvio della procedura di licenziamento è la prima in Italia dopo la fine del blocco per le grandi imprese. L’avviso comune firmato mercoledì scorso tra il Governo, Cgil, Cisl e Uil e le associazioni delle imprese, è stato già disatteso. Quell&...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli