Il 2013 parte a tutto gas. Quali scenari a Piazza Affari?

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
FDO57,450,34
FTSEMIB.MI21.675,75-259,59
^FCHI4.451,08-33,13

Il 2013 si è aperto all’insegna di un grande ottimismo per le Borse europee che hanno messo a segno un deciso rialzo, sulla scia delle buone notizie relative all’accordo sul fiscal cliff. Il Ftse100 e il Dax30 si sono mossi sostanzialmente di pari passo, chiudendo gli scambi con un vantaggio rispettivamente del 2,19% e del 2,2%, preceduto dal Cac40 (Parigi: ^FCHI - notizie) che ha salutato il nuovo anno con un rally del 2,55%. Ad avere la meglio su tutti è stata Piazza Affari che ha visto il Ftse Mib (Milano: FTSEMIB.MI - notizie) terminare le contrattazioni sui massimi intraday a 16.893 punti, con un progresso del 3,81%, dopo aver toccato un minimo a 16.573 punti. L’indice delle blue chips ha aperto gli scambi con un ampio gap-up che lo ha portato da subito sopra l’ostacolo dei 16.500 punti. Il Ftse Mib è riuscito ad avere ragione anche della resistenza successiva dei 16.700, allungando il passo in chiusura di sessione verso i 16.900, a poca distanza dai massimi del 2012 in area 17.000/17.150 punti. Il mercato conferma così la sua ottima intonazione già mostrata nelle ultime settimane del 2012, lasciando la porta aperta ad ulteriori apprezzamenti nel breve. Conferme in questa direzione si avranno con il superamento dei 17.000/17.150 punti, area oltre la quale ci sarà spazio per rialzi verso i 17.500 prima e i 18.000 in seguito. C’è da dire che l’ostacolo dei 17.000/17.150 dovrebbe rivelarsi piuttosto difficile da superare in prima battuta, motivo per cui non saranno da escludere delle prese di profitto prima di ulteriori spinte al rialzo. Con la mancata violazione di area 17.000/17.150 punti saranno possibili ripiegamenti verso i 16.800 prima e i 16.650 in seguito, oltre cui si sposterà lo sguardo sui 16.500. L’eventuale cedimento di questa soglia di prezzo aprirà le porte a correzioni più marcate verso i 16.300/16.250 e i 16.000 punti nella peggiore delle ipotesi.

, Per le novità sul fronte macro Usa, per domani segnaliamo la stima ADP relativa ai nuovi posti di lavoro nel settore privato che a dicembre dovrebbe evidenziare un saldo positivo di 140mila unità, in rialzo rispetto alle 118mila della lettura precedente. Per le nuove richieste di sussidi di disoccupazione le attese parlano di un dato pari a 360mila unità, in rialzo rispetto alle 350mila dell’ottava precedente. Nel pomeriggio sarà diffuso inoltre il consueto report sulle scorte strategiche di petrolio da parte del Dipartimento dell’energia statunitense. Da segnalare che prima dell’avvio degli scambi a Wall Street saranno diffusi i risultati del primo trimestre dell’esercizio 2012-2013 di Family Dollar Stores (NYSE: FDO - notizie) , dai quali ci si attende un utile per azione di 0,75 dollari. In Europa si guarderà alla Germania dove sarà diffuso il tasso di disoccupazione di dicembre, atteso al 6,9%, in linea con la rilevazione del mese precedente. A Piazza Affari restano sotto i riflettori i titoli del settore bancario sulla scia del forte rialzo messo a segno quest’oggi, grazie alla netta contrazione dello spread BTP-Bund. Da monitorare anche i titoli del comparto petrolifero dopo che i prezzi dell’oro nero is stanno spingendo verso i 93 dollari al barile.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.675,75 -1,18% 23 apr 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.175,97 0,74% 23 apr 17:50 CEST
Ftse 100 6.674,74 0,11% 23 apr 17:35 CEST
Dax 9.544,19 0,58% 23 apr 17:45 CEST
Dow Jones 16.501,65 0,08% 23 apr 22:30 CEST
Nikkei 225 14.482,72 0,44% 05:09 CEST

Ultime notizie dai mercati