Italia markets open in 6 hours 40 minutes
  • Dow Jones

    33.290,08
    -533,32 (-1,58%)
     
  • Nasdaq

    14.030,38
    -131,02 (-0,93%)
     
  • Nikkei 225

    28.473,13
    -490,95 (-1,70%)
     
  • EUR/USD

    1,1878
    +0,0013 (+0,11%)
     
  • BTC-EUR

    29.741,19
    -233,11 (-0,78%)
     
  • CMC Crypto 200

    881,29
    -58,66 (-6,24%)
     
  • HANG SENG

    28.801,27
    +242,67 (+0,85%)
     
  • S&P 500

    4.166,45
    -55,41 (-1,31%)
     

+218% Immatricolazioni auto Europa aprile 2021: resta gap rispetto 2019

·3 minuto per la lettura

Il dato sulle immatricolazioni auto in Europa nel mese di aprile 2021 segna un eccezionale recupero rispetto al devastante mese di aprile del 2020, le immatricolazioni balzano di un significativo +218,6%, ma nonostante l’enorme balzo il mercato delle auto resta a livelli inferiori rispetto ad aprile 2019 di circa 300 mila unità, informa Acea.

L’Italia splende con un eccezionale +3.276,8% che pone il nostro Paese sopra gli altri partner europei distaccandoli tutti. La Spagna segue con il +1.787,9% di nuove immatricolazioni in aprile, quindi la Francia con il +568,8% ed a seguire la Germania con il +90% tra i principali paesi.

Immatricolazioni auto Europa: gennaio – aprile 2021 andamento

L’andamento delle immatricolazioni auto in Europa nel periodo gennaio – aprile 2021, ci dice che il mercato automobilistico è cresciuto del +24,4% rispetto allo stesso periodo del 2020, con una vendita totale di 3,4 milioni di veicoli.

I mesi che hanno segnato una significativa inversione di tendenza del trend sono marzo e aprile, che corrispondono alle politiche di riapertura messe in campo dalle economie europee con il progredire delle rispettive campagne vaccinali.

I mercati che nel periodo di riferimento hanno mostrato i migliori risultati in termini di immatricolazioni sono l’Italia (+68,4%) e la Francia (+51%), mentre la Spagna è cresciuta molto meno (+18,8%) e la Germania ancor meno (+7,8%). Ma ciò dipende anche da come lo scorso anno sono state gestite le chiusure, con l’Italia e la Francia che hanno avviato prima le chiusure e hanno chiuso di più rispetto alla Germania in particolare: ciò ha influito sulle vendite.

Immatricolazioni auto Europa: gli altri mercati in crescita

Crescono a tripla cifra in aprile anche il mercato del Belgio (+602,3%) e dell’Irlanda con un eccezionale +1.988,6%, anche il Portogallo cresce in modo significativo con un +438,7% di immatricolazioni auto in aprile.

Altro paese in cui le immatricolazioni sono aumentate segnando un vero boom, è la Grecia con un +319%.

Quelli che sono ancora in negativo

Se guardiamo ai dati del primo quadrimestre del 2021, osserviamo come le immatricolazioni in alcune nazioni restano in negativo. La peggiore è la Romania (-14,5%), seguita dai Paesi Bassi (-11,7%), quindi la Lituania (-7,3%) ed infine il Portogallo (-4,5%).

Questi dati negativi hanno ovviamente pesato sul recupero rispetto al 2019.

Immatricolazioni auto aprile per produttore

Il marchio automobilistico che a livello di Unione Europea ha segnato l’aumento più significativo è Lancia/Chrysler con il +4.501,8%, seguito a molta distanza da Land Rover (+658,8%).

A livello di gruppo automobilistico primeggia Jaguar Land Rover Group con il 618,2%, grazie anche all’eccellente performance del marchio Jaguar (+534,4%).

Segue il gruppo Stellantis (STLA) con una crescita del +330% in termini di immatricolazioni auto in aprile a livello UE. Il marchio Fiat è cresciuto del +434,1%, facendo meglio di Peugeot (+333,8%). Anche il marchio Jeep eccelle con una crescita del +633,4%.

Più contenute le crescite di VW Group (+195%), con Seat che splende (+324%), e di Renault Group (+184,5%) dove è il marchio sportivo Alpine a trainare la crescita (+275,8%). BMW Group segue con il +161,6%, trainato in particolare dal marchio Mini (+233,5%).

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli