Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.315,99
    -426,83 (-1,23%)
     
  • Nasdaq

    13.359,90
    -41,96 (-0,31%)
     
  • Nikkei 225

    28.608,59
    -909,71 (-3,08%)
     
  • EUR/USD

    1,2177
    +0,0043 (+0,35%)
     
  • BTC-EUR

    46.110,71
    -1.858,22 (-3,87%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.497,63
    +1.254,95 (+517,12%)
     
  • HANG SENG

    28.013,81
    -581,89 (-2,03%)
     
  • S&P 500

    4.151,86
    -36,57 (-0,87%)
     

25 aprile: sindaco vibonese, 'revoco cittadinanza a Duce ma non piazza intitolata a suo ministro'

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

“Sì, Mussolini è nostro cittadino onorario, onorificenza che ho scoperto quando del caso si occupò la stampa locale, più o meno un anno e mezzo fa. Una scelta ignobile quella di dare la cittadinanza onoraria al Duce. Prima della fine del mandato proporrò di annullarla per intestarla a un’altra figura, a un partigiano”. Ad annunciarlo all’AdnKronos è Giuseppe Condello, sindaco di San Nicola da Crissa (Vv), comune che fra i suoi cittadini onorari ha anche, dal maggio del 1924, Benito Mussolini, e dove la piazza centrale è intitolata al vibonese Luigi Razza, ministro dei Lavori pubblici durante il ventennio.

“Noi abbiamo istituito un regolamento sulle benemerenze civiche – spiega il sindaco -, ne abbiamo assegnate una decina, ma questa cittadinanza onoraria non risultava, non ne eravamo a conoscenza. Sono assolutamente contrario e prima di chiudere il mandato la revocherò. Ad oggi, in effetti, di fatto è ancora in vigore”.

Quanto a piazza Luigi Razza, il sindaco è di parere opposto: “Premesso che in Calabria molte piazze e strade sono state intitolate all’epoca, e premesso ancora che nel rifacimento della toponomastica faremo le verifiche per le opportune modifiche, onestamente la piazza non intendo cambiarla. Nel bene e nel male quell’epoca ha rappresentato anche una parte della nostra storia, e andare ad incidere su una cosa così vecchia mi sembra inutile”. Infine, il sindaco conclude: “Qui a San Nicola, almeno prima che fossero trafugati, sui ponti c’erano un sacco di simboli fascisti. Ci tengo a dire, però, che io non sono né di destra né di sinistra, sono un estremista di centro, renziano, uno dei pochi rimasti”.