Italia markets closed
  • FTSE MIB

    27.061,40
    -508,60 (-1,84%)
     
  • Dow Jones

    34.265,37
    -450,02 (-1,30%)
     
  • Nasdaq

    13.768,92
    -385,10 (-2,72%)
     
  • Nikkei 225

    27.522,26
    -250,67 (-0,90%)
     
  • Petrolio

    84,83
    -0,72 (-0,84%)
     
  • BTC-EUR

    31.199,62
    -1.320,50 (-4,06%)
     
  • CMC Crypto 200

    870,86
    +628,18 (+258,85%)
     
  • Oro

    1.836,10
    -6,50 (-0,35%)
     
  • EUR/USD

    1,1348
    +0,0031 (+0,27%)
     
  • S&P 500

    4.397,94
    -84,79 (-1,89%)
     
  • HANG SENG

    24.965,55
    +13,20 (+0,05%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.229,56
    -70,05 (-1,63%)
     
  • EUR/GBP

    0,8370
    +0,0053 (+0,64%)
     
  • EUR/CHF

    1,0341
    -0,0033 (-0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,4273
    +0,0133 (+0,94%)
     

In 25 capoluoghi italiani si protesta contro il No Draghi Day: cosa succede

·2 minuto per la lettura
No Draghi Day proteste
No Draghi Day proteste

Milano, Roma, Cosenza, Bologna… sono queste e tante altre le città che in questa giornata di sabato 4 dicembre 2021 si sono riunite per dire no alle politiche economiche e del lavoro prodotte dal Governo Mario Draghi. Nelle ultime settimane infatti, c’è stata molta aria di tensione tra esecutivo e parti sindacali. Ed è partita proprio da qui la protesta che è stata organizzata da molti sindacati quali Usb, Cobas e Cub in testa. Qual è stata la situazione nelle varie città.

No Draghi Day proteste, la situazione a Milano

A Milano, la manifestazione – riporta ANSA – è stata autorizzata in modo regolare. Il corteo che sarebbe partito intorno alle ore 16.00 da Palazzo Lombardia ha visto coinvolti oltre che diversi sindacati anche esponenti di “Potere al Popolo” e “Rifondazione Comunista”. Molti i punti portati all’attenzione durante i cortei: non solo la riforma sanitaria, ma anche il blocco dei licenziamenti o ancora la discussa legge Fornero.

No Draghi Day proteste, attimi di preoccupazione a Cosenza

Non sarebbe andata meglio invece a Cosenza dove alcuni manifestanti che hanno preso parte al corteo, avrebbero cercato di superare il blocco formato dalle Forze dell’ordine oltre che sarebbero stati accesi dei fumogeni. Anche qui tra le richieste poste all’attenzione dell’esecutivo, sono inclusi i contratti di lavoro precari e malpagati o ancora la disoccupazione in Calabria, attualmente a livelli particolarmente elevati.

“Da una parte stiamo facendo i conti con la disoccupazione e il lavoro nero pur di portare a casa qualcosa tra miseri ammortizzatori sociali e licenziamenti. Dall’altra parte registriamo il vuoto sanitario, le carenze strutturali su tutti i fronti possibili, l’arricchimento della sanità privata sulle spalle dei cittadini che continua ad ingrassarsi”, ha affermato il Movimento Fem.In in un intervento riportato da “quiCosenza.it”.

No Draghi Day proteste, a Bologna presenti anche studenti

Anche il capoluogo emiliano si è mobilitato contro i provvedimenti del Governo Draghi. Oltre ad alcune organizzazioni quali Usb, Potere al Popolo o ancora, Sgb alla manifestazione convocata intorno alle ore 10, sarebbero stati presenti anche diversi giovani provenienti dal collettivo Osa. Stando a quanto riporta Bolognatoday sarebbero stati diversi gli striscioni esposti. “Riprendiamoci tutto, casa-reddito salario”, sarebbe uno degli striscioni più rappresentativi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli