Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.297,98
    -192,09 (-0,61%)
     
  • Nasdaq

    11.409,41
    -8,75 (-0,08%)
     
  • Nikkei 225

    26.402,84
    -508,36 (-1,89%)
     
  • EUR/USD

    1,0590
    +0,0124 (+1,19%)
     
  • BTC-EUR

    28.344,61
    +530,98 (+1,91%)
     
  • CMC Crypto 200

    668,22
    +15,98 (+2,45%)
     
  • HANG SENG

    20.120,68
    -523,62 (-2,54%)
     
  • S&P 500

    3.907,61
    -16,07 (-0,41%)
     

3M taglia outlook utili 2022 su calo domanda mascherine

·2 minuto per la lettura
Logo 3M presso il quartiere generale di Maplewood in Minnesota

(Reuters) - 3M ha tagliato l'outlook sugli utili del gruppo per il 2022, a causa del crollo della domanda per le mascherine monouso N95, in seguito al calo dei casi di Covid-19, e all'impatto dell'aumento dell'inflazione.

Il primo produttore statunitense di mascherine ha visto un calo delle vendite di mascherine usa e getta, in seguito alla revoca delle restrizioni sul coronavirus.

Le difficoltà dell'azienda legate ai disagi nella catena di approvvigionamento, alle carenze di semiconduttori e delle materie prime si sono aggravate ulteriormente dopo l'invasione della Russia in Ucraina.

3M il mese scorso ha sospeso le proprie attività in Russia, in linea con altre aziende occidentali.

La guerra in Ucraina ha incrementato i costi per l'azienda, dati i disagi creati dalla carenza di materie prime e di semiconduttori, mettendo a dura prova il settore auto.

Nel mese di febbraio, il direttore finanziario Monish Patolawala aveva segnalato un calo di circa il 2% nella costruzione di auto a livello globale, rispetto al primo trimestre di un anno fa.

3M ora prevede utili annuali compresi tra 9,89 e 10,39 dollari per azione, in calo rispetto alle precedenti attese tra 10,15 e 10,65 dollari.

Nel primo trimestre fino al 31 marzo, i ricavi netti attribuibili a 3M sono calati a 1,29 miliardi di dollari, o 2,26 dollari per azione, in contrasto con 1,62 miliardi di dollari, o 2,77 dollari per azione, un anno fa.

Tuttavia, gli utili adjusted dell'azienda con sede a Saint Paul, Minnesota, sono risultati pari a 2,65 dollari per azione, oltre le attese degli analisti di 2,31 dollari.

Le vendite trimestrali hanno subito un lieve calo, a 8,8 miliardi di dollari.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli