Italia markets close in 2 hours 9 minutes
  • FTSE MIB

    24.652,52
    +166,51 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    34.021,45
    +433,79 (+1,29%)
     
  • Nasdaq

    13.124,99
    +93,31 (+0,72%)
     
  • Nikkei 225

    28.084,47
    +636,46 (+2,32%)
     
  • Petrolio

    64,57
    +0,75 (+1,18%)
     
  • BTC-EUR

    41.369,23
    +0,38 (+0,00%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.395,07
    +7,17 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.835,10
    +11,10 (+0,61%)
     
  • EUR/USD

    1,2139
    +0,0054 (+0,45%)
     
  • S&P 500

    4.112,50
    +49,46 (+1,22%)
     
  • HANG SENG

    28.027,57
    +308,90 (+1,11%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.991,55
    +39,10 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8611
    +0,0015 (+0,17%)
     
  • EUR/CHF

    1,0957
    +0,0018 (+0,16%)
     
  • EUR/CAD

    1,4678
    -0,0014 (-0,09%)
     

540 mld in più a 10 ricconi. Oxfam: “È il virus della disuguaglianza” (di M.P. Terrosi)

Carlo Renda
·Vicedirettore HuffPost
·2 minuto per la lettura
(Photo: Craig Hastings via Getty Images)
(Photo: Craig Hastings via Getty Images)

Il coronavirus può colpire indiscriminatamente, ma le cicatrici che lascia non sono uguali per tutti. Mentre la crisi economica legata al Covid ha messo centinaia di milioni di persone in condizioni di estrema difficoltà, il patrimonio accumulato dai 10 super ricchi è aumentato di 540 miliardi di dollari. Un esempio per tutti: il valore netto dei beni di Jeff Bezos è cresciuto di 78,2 miliardi di dollari. E’ la fotografia scattata dal rapporto “Il virus della disuguaglianza”, pubblicato da Oxfam.

Anche la ripresa avrà tempi diversi. Se le fasce più povere della popolazione mondiale potrebbero metterci 10 anni per tornare ai livelli pre pandemia, le mille persone più ricche del mondo in soli 9 mesi hanno già recuperato tutte le perdite che avevano subito inizialmente. Il Covid insomma – afferma il rapporto – ha messo a nudo i meccanismi di un sistema economico e sociale iniquo che alimenta le disuguaglianze e moltiplica gli squilibri presenti nelle nostre società.

“Se è vero che galleggiamo tutti sullo stesso mare, è chiaro che alcuni viaggiano in super yacht mentre altri sono aggrappati a rottami alla deriva”, ha commentato Antonio Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite. “Il Covid ha funzionato come i raggi X che svelano le fratture presenti nel fragile scheletro delle società. Mette in luce errori e falsità dovunque: la menzogna secondo cui i liberi mercati possono offrire assistenza sanitaria a tutti, la finzione che il lavoro di cura non retribuito non sia lavoro, l’illusione di vivere in un mondo post-razzista, il mito secondo cui siamo tutti sulla stessa barca”.

La pandemia inoltre ha reso più evidenti i legami tra l’emergenza sanitaria e quella ambientale, facendoci riflettere non solo sulle disuguaglianze economiche e sociali, ma anche su quelle climatiche. Anche in que...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.