Fidia: i ricavi netti sono pari a 22.351 migliaia

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
FDA.MI3,270,00

Il Consiglio di Amministrazione di Fidia (Milano: FDA.MI - notizie) ha esaminato e approvato in data odierna il resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2011.

Nel terzo trimestre dell’anno è avvenuto il previsto recupero in termini di ricavi che ha portato di fatto ad azzerare il ritardo che si era accumulato nel primo semestre. Il fatturato consolidato del Gruppo si è attestato sui 22.351 migliaia di euro e risulta sostanzialmente allineato a quello del 30 settembre 2010. La performance è stata particolarmente positiva per il settore meccanico (HSM) che ha raggiunto i 13.032 migliaia di euro di fatturato (+11,5% rispetto ai primi nove mesi del 2010). Per contro, il settore elettronico (CNC) registra anche nel terzo trimestre ricavi inferiori a quelli dello stesso periodo dell’anno precedente e si attestano, al 30 settembre 2011, a 2.465 migliaia di euro (-43,5% rispetto ai primi nove mesi del passato esercizio). Infine il settore Service ha fatto segnare ancora un significativo miglioramento rispetto al già buon risultato del 2010, con ricavi che raggiungono i 6.854 migliaia di euro (+5,9% rispetto ai primi nove mesi del 2010).

La crescita dei ricavi, unitamente a livelli di produzione particolarmente sostenuti, hanno determinato un valore della produzione pari a 31.974 migliaia di euro, in crescita rispetto ai 28.746 migliaia di euro del 30 settembre 2010.

Il margine operativo lordo (EBITDA), risulta positivo (1.175 migliaia di euro, pari ad una marginalità sul fatturato del 5,3%) e pertanto in miglioramento rispetto al valore, sempre positivo, dello stesso periodo dell’anno passato (374 migliaia di euro pari a 1,7% sul fatturato).

Anche il risultato operativo (EBIT) risulta positivo ed è pari a 592 migliaia di euro, contro un risultato negativo di 217 migliaia di euro dello stesso periodo del 2010.

, L’utile ante imposte (EBT) al 30 settembre 2011 ammonta a 373 migliaia di euro contro una perdita di 166 migliaia di euro al 30 settembre 2010, mentre il risultato netto di competenza del Gruppo è prossimo al pareggio (-43 migliaia di euro) contro una perdita di 623 migliaia di euro al 30 settembre 2010.

La posizione finanziaria netta si mantiene ampiamente positiva (5.944 migliaia di euro a credito) e si avvicina ai livelli della fine del 2010, nonostante il sensibile incremento del valore della produzione ed i costanti e significativi investimenti in ricerca e sviluppo. Ciò ha consentito un ulteriore contenimento degli oneri finanziari a conto economico (oneri finanziari netti pari a 182 migliaia di euro al 30 settembre 2011 contro 221 migliaia di euro nel corrispondente periodo dell’anno passato), pur in un contesto di forte turbolenza dei mercati finanziari che ha avuto come conseguenza, tra l’altro, una spinta al rialzo dei tassi di interesse.

Per quanto riguarda l’acquisizione ordini, il terzo trimestre del 2011 è stato nuovamente caratterizzato da un buon andamento commerciale e l’order entry, seppur in flessione rispetto ai livelli eccezionali dei due trimestri precedenti, continua mantenersi su livelli ampiamente soddisfacenti. Alla fine di settembre l’acquisizione ordini complessiva del Gruppo risultava pari a 32,5 milioni di euro in crescita del 54% rispetto ai contratti siglati nello stesso periodo dell’anno 2010. Le forti inquietudini che si sono ripresentate sui mercati finanziari a partire dall’estate non hanno per il momento avuto ripercussioni negative sul business del Gruppo e anche i nuovi ordinativi acquisti nel mese di ottobre confermano il trend di crescita.

, Le nuove commesse, unite al portafoglio iniziale, determinano un back log al 30 settembre 2011 di oltre 33 milioni di euro. L’aumento della capacità produttiva, che consenta di approfittare del positivo momento di mercato, è uno degli obiettivi del Gruppo per l’anno in corso e per il prossimo esercizio.

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.675,75 -1,18% 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.175,97 0,74% 17:50 CEST
Ftse 100 6.674,74 0,11% 17:35 CEST
Dax 9.544,19 0,58% 17:45 CEST
Dow Jones 16.501,65 0,08% 22:30 CEST
Nikkei 225 14.546,27 +1,09%  

Ultime notizie dai mercati