Wall Street, un passo alla volta …

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
MSTF.EX0,00
EA27,570,02
^DJI16.408,54-16,31
ALU.HA8,490,00
GS157,440,22

Ancora un passo avanti per Wall Street, in una giornata in cui i dati macro si sono riversati a palate sui tavoli delle sale operative, a volte deludendo, altre volte rincuorando un mercato che comunque tendenzialmente conferma il proprio ottimismo. Se infatti potremmo essere rimasti delusi da un indice Fed di Filadelfia che si è fermato a 7,3 punti (le attese erano a 10 punti, ma attenzione il dato precedente è stato rivisto da 10,3 a 6,8 punti), dobbiamo essere più che soddisfatti per i numeri arrivati dal mercato del lavoro.

Era diverso tempo (dall’aprile 2008 per la precisione) che non si vedevano le nuove richieste di sussidi alla disoccupazione a quota 352.000, le attese degli economisti (385.000 unità) sono state strabattute ed ora si può senz’altro parlare di previsione più ottimistiche per il tasso di disoccupazione, da sempre cruccio del Presidente in carica e valore sul quale si può giocare la riconferma alla Casa Bianca.

Inoltre il calo delle scorte di petrolio, anche in questo caso a sorpresa, era infatti previsto un aumento, ha avuto come naturale conseguenza un aumento del prezzo dell’oro nero.

Se a questo aggiungiamo i dati micro, che nella giornata hanno riguardato soprattutto il settore bancario e sorpreso in senso positivo, abbiamo un quadro senz’altro confortante. Da inizio anno il Dow Jones (DJI: ^DJI - notizie) sta guadagnando il 3,33%, lo S&P500 il 4,52%, ma è il Nasdaq (Nasdaq: ^NDX - notizie) a salire maggiormente (+7,03%).

Dow Jones (+0,36%) ai primi tre posti e nello stesso ordine i tre migliori titoli dell’indice da inizio anno. Svetta Bank of America (+2,35%) dopo una trimestrale che ha riportato un utile di 2 miliardi, nello stesso periodo dell’anno precedente la perdita ammontava a 1,57 miliardi. Risultato conseguito soprattutto per la vendita di alcuni assets. Il mercato ha particolarmente apprezzato l’innalzamento del Tier 1 Common Ratio al 9,86%. A seguire Alcoa (Hannover: 850206 - notizie) (+1,60%) e Caterpillar (+1,43%).

, Sul fondo Pfizer (EUREX: PFEF.EX - notizie) (-0,59%), United Technologies (NYSE: UTX - notizie) (-0,53%) e Microsoft (EUREX: MSTF.EX - notizie) (-0,39%).

S&P500 (+0,49%) è Morgan Stanley (EUREX: DWDF.EX - notizie) (+5,36%) ad ottenere il miglior guadagno giornaliero sempre a seguito di una trimestrale superiore alle attese, il risultato è infatti in rosso (-600 mln) esclusivamente per la transazione legale (1,7 mld) conclusa con Mbia (Stoccarda: 874020 - notizie) . A seguire troviamo il comparto oil con Halliburton Company (NYSE: HAL - notizie) (+3,60%), quindi Goldman Sachs (NYSE: GS - notizie) (+3,23%) il cui crollo dell’utile (-67%) è risultato di gran lunga inferiore alle attese, l’eps si è infatti assestato a 1,84 dollari (consenso 1,24 $).

I cali hanno maggiormente riguardato Bristol-Myers Squibb (-3,02%), Unitedhealth (-3,00%) U.S. Bancorp (-1,79%).

Nasdaq (+0,67%) ancora una volta miglior indice di giornata, con un guadagno a doppia cifra per F5 Networks (NasdaqGS: FFIV - notizie) (+10,64%) e diversi rialzi importanti, a partire da Sears Holdings (NasdaqGS: SHLD - notizie) (+9,77%) che conferma un 2012 iniziato come meglio non si poteva, Ctrip.com (+8,95%) che si è ottimamente ripreso dopo un inizio d’anno non promettente. Sale in maniera convincente anche NetApp (Xetra: A0NHKR - notizie) (+8,25%) tornato così sui massimi da oltre un mese.

Brusco dietro front per First Solar (NasdaqGS: FSLR - notizie) (-9,98%), male anche Electronic Arts (NasdaqGS: ERTS - notizie) (-3,94%) e Baidu (-1,94%).

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro.

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito