Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.104,24
    -55,99 (-0,35%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.797,30
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0012 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9871
    +0,0010 (+0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,4186
    +0,0060 (+0,43%)
     

A2A alza stime dopo trim3 sopra attese, titolo balza

Tecnici A2A a Milano

MILANO (Reuters) - A2A rivede la rialzo la guidance sul 2022 dopo i risultati del terzo trimestre in decisa crescita e sopra le attese.

La superutility di Milano e Brescia ha chiuso i conti a fine settembre con un utile netto, nei nove mesi, in crescita del 17% a 461 milioni sostenuto dalle plusvalenze relative alla cessione di alcuni asset immobiliari e dai risultati operativi.

L'Ebitda, secondo quanto si legge in una nota diffusa nella tarda serata di ieri, sale del 20,2% a 1,148 miliardi su ricavi balzati del 161,7% a 16,87 miliardi circa grazie all'aumento dei prezzi delle materie prime energetiche cui è corrisposto un analogo incremento dei costi di approvvigionamento.

Gli investimenti effettuati sono pari a 802 milioni di euro, in salita del 25% rispetto ai primi nove mesi dell'anno precedente.

Alla luce dei risultati raggiunti A2A rivede al rialzo le stime sull'anno in corso prevedendo un Ebitda tra 1,45 e 1,5 miliardi di euro, rispetto alle precedenti attese di 1,40-1,45 miliardi.

L'utile netto ordinario è adesso visto nel range 340-380 milioni dalla precedente forchetta di 330-370 milioni.

A Piazza Affari il titolo è in netto rialzo, e alle 9,50 guadagna il 4,5% circa a 1,285 euro a fronte di un progresso dell'1% dell'indice FTSE Mib

"Il terzo trimestre conferma l'elevata qualità del portafoglio powergen di A2A", commenta Equita che parla di risultati "ben superiori alle stime".

Per il broker i multipli 'cheap' e lo yield (6,7%) sostengono il titolo in questa fase.

Anche Akros parla di risultati "nettamente" sopra le attese principalmente grazie al business unit 'generazione'.

(Andrea Mandalà, editing Claudia Cristoferi)