Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    14.245,85
    +204,26 (+1,45%)
     
  • CMC Crypto 200

    333,64
    -3,86 (-1,14%)
     
  • Oro

    1.781,90
    -23,60 (-1,31%)
     
  • EUR/USD

    1,1963
    +0,0050 (+0,42%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8989
    +0,0073 (+0,82%)
     
  • EUR/CHF

    1,0818
    +0,0021 (+0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,5531
    +0,0029 (+0,19%)
     

A2A punta a 700 mln investimenti in 2020, nuovo piano il 20 gennaio -AD

·1 minuto per la lettura
Due tecnici A2A lavorano ad una centralina a Milano
Due tecnici A2A lavorano ad una centralina a Milano

MILANO (Reuters) - A2A punta a realizzare investimenti intorno ai 700 milioni di euro quest'anno, in crescita rispetto ai circa 630 del 2019, nonostante i rallentamenti all'attività imposti dagli effetti del Covid-19, e presenterà il nuovo piano industriale decennale il prossimo 20 gennaio.

E' quanto ha detto l'AD, Marco Mazzoncini, in una call con la stampa dopo la presentazione dei risultati dei 9 mesi.

"Gli investimenti quest'anno potrebbero arrivare a sfiorare i 700 milioni di euro da circa 630 del 2019", ha sottolineato il manager.

Che ha aggiunto: "Il piano industriale decennale sarà portato in approvazione del Cda il prossimo 19 gennaio e presentato il 20 di gennaio e avrà linee guida industriali piuttosto definite".

Mazzoncini ha poi reso noto che la multiutility punta per il 2020 a "mantenere l'altissimo livello di dividendi pagato a maggio di quest'anno. Si stanno creando le condizioni per potere mantenere il livello di dividendo del 2019".

Infine, parlando più in generale della strategia sull'M&A della superutility lombarda, Mazzoncini ha spiegato che il prossimo piano prevede "una crescita molto importante, ma con un razionale diverso dalla crescita territoriale fin qui portata avanti da A2A".

"Atteso che se si presenteranno occasioni interessanti di aggregazione territoriale le guarderemo, il quadro industriale si basa su operazioni di m&a di natura diversa. Puntiamo a crescere sui settore dell'economia circolare o dell'integrazione energetica", ha concluso l'AD.

(Giancarlo Navach, in redazione a Roma Francesca Piscioneri)