Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.638,64
    -271,73 (-0,91%)
     
  • Nasdaq

    12.198,74
    -7,11 (-0,06%)
     
  • Nikkei 225

    26.433,62
    -211,09 (-0,79%)
     
  • EUR/USD

    1,1933
    -0,0037 (-0,31%)
     
  • BTC-EUR

    16.298,73
    +85,37 (+0,53%)
     
  • CMC Crypto 200

    382,02
    +17,42 (+4,78%)
     
  • HANG SENG

    26.341,49
    -553,19 (-2,06%)
     
  • S&P 500

    3.621,63
    -16,72 (-0,46%)
     

Abbiamo chiesto a un esperto i rimedi più efficaci contro l'acne causato (anche) dalla mascherina

Di Marzia Nicolini
·4 minuto per la lettura
Photo credit: Chalo Garcia su unsplash
Photo credit: Chalo Garcia su unsplash

From ELLE

Anche le attrici di Hollywood, le top influencer e le super modelle lottano contro i brufoli e, spesso, anche con episodi di acne. È questo il caso di star come Kendall Jenner, Lucy Hale e Demi Lovato, solo per citarne alcune, mentre giocando in casa possiamo citare Giulia De Lellis e Aurora Ramazzotti, entrambe capaci di mostrarsi ai propri fan con brufolini e segni dell'acne in pieno volto. In genere, oltreoceano, le star si rivolgono alla beauty guru Renée Rouleau, a sua volta una vera e propria celebrità per quel che riguarda la cura dell'acne. L'estetista propone alle sue blasonate clienti fior fiore di trattamenti in cabina, ma la sua filosofia – come rivela il magazine The Kit – è la seguente: "preferisco affrontare la situazione consiglio una routine di cura a casa, consigliando alle persone che si rivolgono a me prodotti e attivi specifici per il loro problema". In effetti, quando si tratta di acne, ma più in generale per qualsiasi problematica a tema salute, conta molto la personalizzazione del trattamento. Ciò detto, ecco le linee guida di due esperti per curare e ridurre l'acne. Che, complice la mascherina, è ormai un problema che riguarda la maggior parte di noi.

La beauty routine anti acne a casa

Come spiega il medico estetico Dvora Ancona di studio Dvora a Milano, occorre fare dei distinguo, dato che l'acne può essere più o meno intensa, richiedendo un approccio differente. "Nelle situazioni più lievi è possibile affidarsi a prodotti per uso topico contenenti retinoidi, previo consulto con un bravo dermatologo, per scegliere la tipologia di cosmetico più adatta al proprio tipo di pelle. Molto utilizzati ed efficaci sono i prodotti a base di acido salicilico, zolfo, perossido di benzoile, retinolo e, nei casi di acne più gravi, isotretinoina. Spesso a noi donne capita che il disturbo di acne sia causato da un'alterazione dei livelli di ormoni, a sua volta dovuta all'attività delle ovaie: in questi casi i rimedi più efficaci sono le terapie ormonali, a partire dall'assunzione della pillola anticoncezionale. Una volta guarite, però, ricordate è necessario portare avanti una terapia di prevenzione, perché è molto probabile che il disturbo di acne si ripresenti. Durante i trattamenti di cura dell'acne, sarebbe sempre meglio evitare di truccarsi, preferendo sempre cosmetici di skincare non grassi, per far sì che la pelle possa respirare, senza rischiare di ostruire i pori. Molto importante anche la detersione: sì a un prodotto di pulizia per il viso delicato, magari arricchito da attivi seboregolatori e astringenti. Vietatissimo schiacciare i punti neri e i brufoli! Il rischio è quello di creare infezioni e rossori, lasciando segni che possono restare indelebili".

Trattamenti professionali anti acne, quali scegliere

Se l'acne, nonostante tutto il vostro impegno a casa, non vi lascia tregua, Riccardo Midolo, medico estetico di Lab 42 Milano, consiglia di sottoporsi a un peeling chimico (in studio medico). "Utile sia per chi ha la pelle seborroica, sia per chi combatte con impurità, pori dilatati e acne, il peeling chimico, anche noto come chemoesfoliazione, sfrutta un bilanciato mix di composti chimici di natura acida, per una profonda rigenerazione della cute rinnovando e rimodellando l’epidermide. Ovviamente la scelta dei principi attivi e la concentrazione di ciascuno di essi, sarà studiata dall'esperto in base alla tipologia cutanea della paziente". Nel suo studio, la dottoressa Ancona usa da anni (con grande successo) la tecnologia coreana Agnes, che grazie alla radiofrequenza monopolare con micro elettrodi isolati riesce ad eliminare sia l’acne in fase attiva, che le cicatrici da acne. Durante il trattamento (che dura all'incirca 30 minuti), il microelettrodo Agnes agisce dove è presente il brufolo e/o la cicatrice, e attraverso l'energia erogata dalla radiofrequenza, distrugge la ghiandola sebacea. Mirato e indolore, spesso si dimostra risolutivo". Last but not least, sì a una pulizia del viso profonda, ma delicata: gli esperti di Istituto Image a Milano consigliano Hydrafacial, trattamento pluripremiato in USA che, grazie a uno speciale pennino con azione vacuum, riesce a purificare e idratare la pelle in profondità, migliorando i problemi di acne e creando le premesse per una cute sana, fresca, luminosa.

I migliori alleati beauty anti acne