Italia Markets closed

"Abbiamo sconfitto la povertà". Ma l'annuncio in Cina lascia molti dubbi

Marco Lupis
·Journalist – Correspondent – Author
·2 minuto per la lettura
(Photo: Xinhua News Agency via Getty Images)
(Photo: Xinhua News Agency via Getty Images)

Qualche tempo fa, un post pubblicato da un anonimo agricoltore in una delle più popolari piattaforme social cinesi, aveva creato molto rumore, diventando subito virale: “Non abbiamo soldi e quando i giovani agricoltori di questa generazione avranno dei figli, non potranno permettersi di pagare per la loro educazione”, aveva affermato il contadino senza nome, scrivendo dal cuore agricolo cinese, la provincia centrale di Henan, e sostenendo anche di riuscire a guadagnare a malapena circa 5.000 yuan (circa 600 euro) all’anno dalle arachidi che raccoglieva sui suoi 10 mu (0,67 ettari) di terra: una somma che non lasciava quasi nulla alla sua famiglia, dopo aver sottratto il cibo e le spese di base. “Noi agricoltori qui viviamo nella costante paura di ammalarci o di dover sostenere costi imprevisti” aveva scritto; “ci dicono sempre che la Corea del Nord è arretrata, ma almeno lì le persone non hanno bisogno di pagare per l’istruzione o per vedere un medico. Qui, noi, un medico non possiamo permetterci di pagarlo!”

Uno scenario, quello della profonda povertà della sterminata Cina rurale, ben lontano dagli splendori hi-tech delle grandi metropoli della cosiddetta “fascia costiera”, da Guangzhou a Shanghai, fino alla capitale, Pechino.

Con un comunicato dai toni apertamente trionfalistici, oggi la Cina ha dichiarato di avere ufficialmente eliminato la povertà assoluta un mese prima della scadenza autoimpostasi, dopo che le ultime nove contee impoverite, nella provincia sud-occidentale del Guizhou, sono state rimosse dalla lista della povertà. Dalla scorsa settimana, le autorità delle ultime province e regioni autonome con contee colpite dalla povertà hanno successivamente dichiarato le loro località completamente libere dalla povertà, a seguito di estese ispezioni. Sono la regione autonoma uigura dello Xinjiang, la regione autonoma di Ningxia Hui...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.