Italia markets close in 1 hour 42 minutes
  • FTSE MIB

    24.481,85
    -118,50 (-0,48%)
     
  • Dow Jones

    33.806,10
    +128,83 (+0,38%)
     
  • Nasdaq

    14.016,72
    +20,62 (+0,15%)
     
  • Nikkei 225

    29.620,99
    +82,29 (+0,28%)
     
  • Petrolio

    61,43
    +1,25 (+2,08%)
     
  • BTC-EUR

    53.472,91
    +479,48 (+0,90%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.376,53
    +0,75 (+0,05%)
     
  • Oro

    1.738,70
    -8,90 (-0,51%)
     
  • EUR/USD

    1,1972
    +0,0017 (+0,14%)
     
  • S&P 500

    4.145,92
    +4,33 (+0,10%)
     
  • HANG SENG

    28.900,83
    +403,63 (+1,42%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,07
    +10,08 (+0,25%)
     
  • EUR/GBP

    0,8678
    -0,0012 (-0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,1029
    +0,0032 (+0,29%)
     
  • EUR/CAD

    1,5027
    +0,0053 (+0,35%)
     

Abbigliamento per un 10% annuo od anche di più

Andrea Galeazzi
·3 minuto per la lettura

È stata una settimana interlocutoria per i mercati azionari che stanno attraversando una fase di lateralità anche se caratterizzata da una volatilità comunque sostenuta. Lo spauracchio dell’inflazione sembra si stia sgonfiando ed i primi a beneficiarne sono state proprio le utility che hanno fatto meglio del mercato. La chiamata fatta la settimana scorsa sul certificate su Enel si è già dimostrata profittevole e spero sia stata seguita dai più.

Continuo ad ogni modo a ritenere che con tutta probabilità quest’anno il famoso detto “sell in May and go away” sia da seguire, per cui sto applicando criteri ancora più selettivi per i miei investimenti.

In quest’ottica, ho acquistato il certificate che segue perché rispettava dei criteri che per me sono fondamentali:

  1. Per com’è strutturato il certificate, i possibili scenari favorevoli sono maggiori di quelli sfavorevoli.

  2. I sottostanti sono due titoli robusti che non sono presenti nel mio portafoglio e ciò mi permette di aumentare la diversificazione dello stesso.

  3. Il rapporto rischio / rendimento è alto.

  4. L’analisi tecnica individua livelli di supporti ben posizionati rispetto alla barriera.

Al di là del prodotto in questione, penso che tali punti siano sempre importanti da tenere a mente quando si effettua un investimento.

Vediamo ora le caratteristiche. Tipo: Step-Down Cash Collect

Il settore è quello del lusso / abbigliamento, il primo per quanto riguarda Kering, il secondo per quanto riguarda Adidas. Kering è un colosso del lusso, probabilmente tra i migliori del suo comparto.

Adidas invece lo conosciamo un po' tutti e non penso abbia bisogno di ulteriori presentazioni.

Ho acquistato il certificate a 96€ e quindi il rendimento cedolare annuo è pari al 10,42%. Inoltre scadendo tra meno di 2 anni andrebbe sommato il 2% annuo di capitale, raggiungendo quindi circa un 12,5% all’anno.

Ma c’è un’alta opzione che rende ancor più interessante il prodotto ed è il meccanismo di step-down. Ve lo ricordate? Ne abbiamo parlato nel post “Il certificate che ti viene incontro”.

In particolare già ad Agosto la soglia del rimborso anticipato si abbassa al 90% dello strike iniziale, per arrivare a 80% l’anno successivo.

Vediamo come sono posizionati tali livelli sul titolo peggiore:

La barriera è segnata dalla linea nera e come potete vedere è posta per ora su livelli rassicuranti. Quella in rosso è invece il livello di rimborso anticipato ed è proprio posta sugli attuali livelli che a loro volta coincidono con un importante supporto che anche nelle ultime due sedute si è dimostrato tale. Da qui il motivo per cui sono entrato proprio in questo momento.

Ma cosa succede se ad Agosto il titolo si dovesse continuare a trovare sopra tale supporto? Semplice: si riceverebbero due cedole per un totale di 5€ più il rimborso a 100€, ossia un guadagno di altri 4€. Quindi 9€ su 96€ fa 9,375% in 4 mesi, che significa circa un 28,12% annualizzato. Non male che dite? Tutto sta a leggere bene come funziona il certificate.

Se invece si trovasse sotto il livello di rimborso anticipato continueremmo a percepire la cedola purché la barriera regga.

Tengo infine a precisare che, come tutti i post di questo blog, questo non vuole essere assolutamente un invito all'acquisto, bensì un analisi indipendente fatta in questi giorni dal sottoscritto.

Autore: Andrea Galeazzi Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online