Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.354,65
    +60,79 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,83 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,11 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    25.935,62
    -457,42 (-1,73%)
     
  • Petrolio

    108,46
    +2,70 (+2,55%)
     
  • BTC-EUR

    18.460,38
    -205,40 (-1,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    420,84
    +0,70 (+0,17%)
     
  • Oro

    1.812,90
    +5,60 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0426
    -0,0057 (-0,54%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.448,31
    -6,55 (-0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8623
    +0,0016 (+0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0002
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,3434
    -0,0056 (-0,42%)
     

Abbonamenti Dazn, consumatori all'attacco contro aumenti

(Adnkronos) - Coro di proteste contro l'aumento dei prezzi per gli abbonamenti della nuova stagione 2022-2023 di Dazn. E' quello che si leva unanime dalle associazioni dei consumatori dopo l'annuncio arrivato da Dazn. "Abbiamo deciso di presentare un esposto all'Antitrust, in primo luogo perché nella comunicazione inviata agli utenti Dazn comunica le variazioni contrattuali, e gli aumenti già surreali, senza ricordare contestualmente all'abbonato il suo sacrosanto diritto di poter recedere, in violazione delle norme a tutela degli utenti", annuncia Massimiliano Dona, presidente dell'Unione Nazionale Consumatori. "E' inaccettabile, poi, farsi gioco dei tifosi che seguono il calcio in televisione. Dazn - dice - è già stata graziata nella precedente stagione dal ritardo con il quale Agcom ha cambiato le regole sulla qualità delle trasmissioni, di fatto non pagandone il costo Ora attendiamo il pronunciamento urgente dell'Antitrust".

"Si tratta di una pessima notizia per i consumatori, che dopo i rincari delle bollette e dei prezzi al dettaglio subiranno anche gli aumenti dell'abbonamento a Dazn", dichiara il presidente del Codacons, Carlo Rienzi. "Un rincaro abnorme - afferma - che danneggerà in particolare i tifosi , e uno squilibrio evidente nel mondo del calcio, con Dazn che da un lato si aggiudica i diritti per la trasmissione delle partite, dall'altro sceglie in totale autonomia come modificare le offerte commerciali, applicando rincari esagerati che peseranno come un macigno sulle tasche degli utenti".

E "inaccettabili" sono per Assoutenti gli incrementi tariffari decisi da Dazn per la stagione di calcio di Serie A 2022/2023. “Si tratta di una nuova batosta per i consumatori che aggraverà la spesa delle famiglie per i servizi televisivi – afferma il presidente Furio Truzzi – Troviamo del tutto scorretto varare rincari tariffari successivamente all’aggiudicazione dei diritti per le partite di serie A del prossimo campionato, anche in considerazione dell’entità degli aumenti e delle modifiche introdotte sulla visione dei match su più dispositivi”. “Chiediamo al Ministero dello sviluppo economico e all’Antitrust di valutare un intervento sul caso, finalizzato a tutelare i diritti degli utenti e contrastare lo strapotere di Dazn nei confronti dei tifosi di calcio”, conclude Truzzi

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli