Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,94 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,26 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,44 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,42 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    -0,08 (-0,12%)
     
  • BTC-EUR

    47.458,47
    -1.510,65 (-3,08%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,29 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +0,70 (+0,04%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    +0,0098 (+0,82%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,85 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8698
    +0,0015 (+0,18%)
     
  • EUR/CHF

    1,0952
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,4743
    +0,0081 (+0,55%)
     

Aberdeen Standard: ecco come scegliere gli investimenti ESG

Virgilio Chelli
·3 minuto per la lettura
Aberdeen Standard: ecco come scegliere gli investimenti ESG
Aberdeen Standard: ecco come scegliere gli investimenti ESG

Per aiutare gli investitori a individuare la miglior strategia ESG, la grande casa propone la classificazione in tre categorie e il suo punteggio proprietario, per conseguire un premio sostenibile sul dividend yield

I fattori ESG, vale a dire ambiente, sociale e governance, guidano sempre più i prezzi delle azioni e i flussi degli asset nei mercati europei. Ma cosa significa ESG per gli investitori orientati all’income che cercano di ottenere un premio sostenibile sul dividend yield? Secondo Aberdeen Standard Investments la domanda è particolarmente rilevante poiché molti dei settori ad alto rendimento, tradizionale terreno di caccia per gli investitori orientati al reddito, sono anche sempre più soggetti all’analisi ESG. Le società Oil & Gas, ad esempio, continuano a confrontarsi con le sfide del cambiamento climatico e della decarbonizzazione e se il 2020 ha insegnato qualcosa, è che i dividend yield nominali possono rivelarsi illusori a fronte di un contesto sfidante.

ACCELERAZIONE DELLE RINNOVABILI, IL CASO ENEL

Tom Dorner, Gestore European Equities, di Aberdeen Standard Investments, spiega che in base alla traiettoria attuale, ottenere un livello di emissioni zero sarà difficile e richiederà un'accelerazione significativa nello sviluppo di energia rinnovabile e delle relative infrastrutture. Questo posiziona la transizione energetica come una tendenza secolare pluridecennale, come mostrano il Green Deal dell'Unione Europea e il ritorno degli Stati Uniti nell'Accordo di Parigi. Molte delle posizioni di Aberdeen Standard Investments nelle utility europee hanno un ruolo di primo piano in questa transizione. Dorner cita Enel, che ha un'ampia esposizione alla transizione energetica, nelle rinnovabili e nelle infrastrutture della rete elettrica.

TRE CATEGORIE PER COSTRUIRE IL PORTAFOGLIO

In quanto investitori orientati al reddito, Aberdeen Standard ritiene che queste attività siano caratterizzate da interessanti flussi di cassa ricorrenti e da una crescita guidata dagli investimenti, che si traduce in un alto grado di fiducia nella capacità di pagare i dividendi, offrendo un premio sostenibile sul dividend yield con caratteristiche di crescita interessanti. Da anni Aberdeen Standard Investments costruisce il portafoglio suddividendolo in tre categorie - High Dividend, Dividend Growth e Dividend Upgrade – per ottenere un relativo bilanciamento.

PREFERENZA PER UTILITY E ASSICURAZIONI

Per quanto riguarda le High Dividend –società con business maturi che operano in settori stabili e in grado di fornire un premio sostenibile sul dividend yield rispetto al mercato - alcuni settori hanno dovuto far fronte a una disruption significativa e a una diminuzione dei dividendi, come l’Oil & Gas o il settore bancario. Per questo Aberdeen Standard per un certo periodo ha preferito utility e assicurazioni, per la capacità superiore di distribuire dividendi. Le Dividend Growth tendono ad avere un rendimento inferiore al mercato, ma con la potenzialità di far crescere i dividendi più velocemente, per cui Aberdeen ha trovato diverse società che stanno registrando una certa crescita, contribuendo positivamente allo slancio dell'ESG, come Schneider, leader nelle soluzioni di efficienza energetica, e Neste, punto di riferimento per la produzione di carburanti provenienti da rinnovabili in alternativa al diesel tradizionale.

RISCHIO MAGGIORE MA ANCHE OPPORTUNITÀ

Nelle Dividend Upgrade infine, secondo Aberdeen, la capacità di pagamento dei dividendi tende ad essere valutata in modo significativamente errato, per cui si tratta di posizioni che possono comportare un rischio maggiore, anche se in alcuni casi i criteri ESG costituiscono una parte importante dell’investimento. Aberdeen cita ad esempio Siemens Energy, che ha una partecipazione significativa nel produttore di turbine Siemens Gamesa e sta beneficiando della crescita dell'eolico, o Daimler, che ha una delle pipeline di veicoli elettrici più interessanti sul mercato.

L’AIUTO DI UN PUNTEGGIO PROPRIETARIO

La ricerca sui titoli di Aberdeen Standard Investments ha integrato l'analisi ESG da diversi anni, anche grazie a un punteggio ESG proprietario che va da un massimo di 1 a un minimo di 5. In quest’ottica l’obiettivo principale rimane il raggiungimento di un premio sostenibile sul dividend yield per i clienti, perché incorporare l'analisi ESG nel processo di investimento migliora la capacità di raggiungere quest’obiettivo con l'evoluzione dei trend di allocazione del capitale nel mercato e consente anche di identificare opportunità strutturali, oltre a mitigare il rischio.