Italia markets close in 5 hours 35 minutes
  • FTSE MIB

    23.793,28
    +111,71 (+0,47%)
     
  • Dow Jones

    31.802,44
    +306,14 (+0,97%)
     
  • Nasdaq

    12.609,16
    -310,99 (-2,41%)
     
  • Nikkei 225

    29.027,94
    +284,69 (+0,99%)
     
  • Petrolio

    65,76
    +0,71 (+1,09%)
     
  • BTC-EUR

    45.452,57
    +3.289,64 (+7,80%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.093,13
    +68,93 (+6,73%)
     
  • Oro

    1.698,30
    +20,30 (+1,21%)
     
  • EUR/USD

    1,1909
    +0,0056 (+0,48%)
     
  • S&P 500

    3.821,35
    -20,59 (-0,54%)
     
  • HANG SENG

    28.773,23
    +232,40 (+0,81%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.780,14
    +16,90 (+0,45%)
     
  • EUR/GBP

    0,8575
    +0,0006 (+0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,1082
    -0,0009 (-0,09%)
     
  • EUR/CAD

    1,5001
    +0,0008 (+0,05%)
     

Abi e banche tedesche: più flessibilità per ridurre impatto Covid

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 16 feb. (askanews) - L'Abi e il Comitato dell'industria bancaria tedesca (German banking industry committee, Gbic) chiedono regole più flessibili per ridurre l'impatto economico della pandemia sull'economia europea. "Rimodulare il percorso dell'Unione bancaria - dicono le due associazioni - rifocalizzare il percorso regolamentare verso la finalizzazione di Basilea 3 in Europa e adeguare il trattamento dei crediti deteriorati alla luce dell'attuale scenario economico". Richieste espresse in un documento con cui si chiede alle istituzioni europee "di assumere importanti misure regolamentari di primo e secondo livello per contrastare gli effetti economici del Covid-19". In una fase in cui "l'economia è severamente impattata dalle conseguenze economiche del Covid-19", il mondo bancario italiano e quello tedesco "hanno elaborato un pacchetto di proposte per mitigare il rischio di una riduzione, a breve e medio termine, della capacità del settore bancario europeo di finanziare l'economia reale". Le soluzioni individuate "riguardano, in particolare, la gestione delle crisi delle banche direttamente sottoposte alla Vigilanza nazionale e il ruolo dei sistemi nazionali di garanzia dei depositi, la ricerca di un approccio nella gestione dei crediti deteriorati che contrasti effetti prociclici e una più calibrata adozione della normativa a completamento del quadro regolamentare di Basilea 3". "Le nuove regole della vigilanza europea - sottolinea il direttore generale dell'Abi, Giovanni Sabatini - sono state concepite prima della pandemia, in un contesto completamente diverso dall'attuale. È necessario continuare a insistere nelle sedi europee per correggere tali norme, valutando deroghe o sospensioni temporanee delle stesse, così da evitare automatismi indesiderati effetti prociclici". "Per sviluppare ulteriormente il quadro esistente dell'Unione bancaria non è necessario creare un nuovo assetto istituzionale", spiega Karl-Peter Schackmann-Fallis, membro dell'executive board dell'Associazione tedesca delle Casse di risparmio, che attualmente presiede il Gbic". "Invece - aggiunge Schackmann-Fallis - il rafforzamento del ruolo dei sistemi nazionali di garanzia dei depositi anche all'interno del secondo pilastro dell'Unione bancaria potrebbe portare vantaggi sostanziali". Glv