Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.717,42
    +79,23 (+0,31%)
     
  • Dow Jones

    34.479,60
    +13,36 (+0,04%)
     
  • Nasdaq

    14.069,42
    +49,09 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    28.948,73
    -9,83 (-0,03%)
     
  • Petrolio

    70,78
    +0,49 (+0,70%)
     
  • BTC-EUR

    29.528,48
    +571,83 (+1,97%)
     
  • CMC Crypto 200

    924,19
    -17,62 (-1,87%)
     
  • Oro

    1.879,50
    -16,90 (-0,89%)
     
  • EUR/USD

    1,2107
    -0,0071 (-0,58%)
     
  • S&P 500

    4.247,44
    +8,26 (+0,19%)
     
  • HANG SENG

    28.842,13
    +103,25 (+0,36%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.126,70
    +30,63 (+0,75%)
     
  • EUR/GBP

    0,8581
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,0870
    -0,0021 (-0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,4713
    -0,0008 (-0,05%)
     

Abi: mantenere aiuti economia, ora misure per crediti deteriorati

·1 minuto per la lettura

Roma, 21 nov. (askanews) - Con il riacutizzarsi della pandemia è indispensabile mantenere le misure di sostegno economico e intervenire anche con nuovi strumenti per affrontare il rischio di un aumento dei crediti deteriorati delle banche. Lo ha detto il direttore generale dell'Abi, Giovanni Sabatini, sottolineando che "in questo scenario, per consentire al settore bancario di offrire il massimo supporto alla ripresa, è essenziale mantenere alta l'attenzione sul quadro normativo e regolamentare che governa il mondo del credito, agendo sotto due prospettive". "Da un lato - ha spiegato il dg di Palazzo Altieri in un'audizione nelle commissione riunite Bilancio di Camera e Senato - occorre mantenere attivi fino a quando sarà necessario tutti quegli strumenti straordinari che si sono dimostrati efficaci nell'affrontare la crisi, evitando il rischio, da cui le stesse autorità di vigilanza hanno messo in guardia, di un ritiro prematuro di misure ancora indispensabili". "Dall'altro - ha aggiunto Sabatini - occorre predisporre per tempo tutti gli strumenti, normativi e operativi, che consentano di prevenire ed eventualmente gestire non traumaticamente, per le banche e per i clienti, i rischi che abbiamo davanti, in primo luogo quello di una crescita dei crediti deteriorati. Dal momento che la normativa bancaria è in larga misura di emanazione europea, è soprattutto a questo livello che occorre intervenire".