Italia markets close in 6 hours 54 minutes
  • FTSE MIB

    22.150,13
    +89,15 (+0,40%)
     
  • Dow Jones

    29.638,64
    -271,73 (-0,91%)
     
  • Nasdaq

    12.198,74
    -7,11 (-0,06%)
     
  • Nikkei 225

    26.787,54
    +353,92 (+1,34%)
     
  • Petrolio

    45,67
    +0,33 (+0,73%)
     
  • BTC-EUR

    16.225,30
    -25,71 (-0,16%)
     
  • CMC Crypto 200

    382,48
    +17,89 (+4,91%)
     
  • Oro

    1.796,70
    +15,80 (+0,89%)
     
  • EUR/USD

    1,1982
    +0,0047 (+0,40%)
     
  • S&P 500

    3.621,63
    -16,72 (-0,46%)
     
  • HANG SENG

    26.567,68
    +226,19 (+0,86%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.526,34
    +33,80 (+0,97%)
     
  • EUR/GBP

    0,8953
    +0,0004 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,0851
    +0,0019 (+0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,5530
    +0,0017 (+0,11%)
     

Abi: pandemia si aggrava, urgenti misure Ue con flessibilità

Glv
·1 minuto per la lettura

Roma, 30 ott. (askanews) - Di fronte "al prolungamento e alla gravità della pandemia chiediamo che le autorità europee adottino altri provvedimenti urgenti caratterizzati da flessibilità". Lo ha affermato il presidente dell'Abi, Antonio Patuelli, intervenendo alla 96esima Giornata mondiale del risparmio. "Sono fondamentali - secondo Patuelli - i provvedimenti delle istituzioni italiane, innanzitutto la legge di bilancio, per il sostegno allo sviluppo e all'occupazione". "Chiediamo - ha spiegato il presidente dell'associazione bancaria - una nuova e potenziata Ace per il rafforzamento delle imprese. Debbono essere urgentemente riviste altre normative europee come il calendario del deterioramento dei prestiti bancari alle imprese e alle famiglie, un provvedimento molto rigido, pensato quando la pandemia non era immaginata. Quel calendario è prociclico e va aggiornato per non compromettere gli sforzi per la resilienza e la ripresa". "Occorre dare il tempo necessario a imprese e famiglie - ha aggiunto Patuelli - per far fronte agli impegni, come hanno indicato altri provvedimenti europei e italiani che puntano a evitare il razionamento del credito e che non debbono essere ostacolati dall'ormai vecchio e rigido calendario di deterioramento e accantonamento e da troppo anticipate definizioni di default".