Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.178,80
    +171,40 (+0,78%)
     
  • Dow Jones

    30.218,26
    +248,74 (+0,83%)
     
  • Nasdaq

    12.464,23
    +87,05 (+0,70%)
     
  • Nikkei 225

    26.751,24
    -58,13 (-0,22%)
     
  • Petrolio

    46,09
    +0,45 (+0,99%)
     
  • BTC-EUR

    15.718,14
    +2,37 (+0,02%)
     
  • CMC Crypto 200

    365,19
    -14,05 (-3,71%)
     
  • Oro

    1.842,00
    +0,90 (+0,05%)
     
  • EUR/USD

    1,2127
    -0,0022 (-0,18%)
     
  • S&P 500

    3.699,12
    +32,40 (+0,88%)
     
  • HANG SENG

    26.835,92
    +107,42 (+0,40%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.539,27
    +22,17 (+0,63%)
     
  • EUR/GBP

    0,9019
    -0,0006 (-0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,0811
    -0,0009 (-0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,5490
    -0,0127 (-0,81%)
     

Accordo Parmareggio-Agriform, da gennaio 2021 nasce nuovo gruppo

Pat
·1 minuto per la lettura

Bologna, 18 nov. (askanews) - Tra i principali produttori di Parmigiano Reggiano, Grana Padano, Asiago e Piave uniscono le forze per formare, a partire dall'1 gennaio 2021 un unico gruppo - che riunirà oltre 2000 allevatori e una ventina di caseifici soci - con un fatturato di 550 milioni di euro, di cui quasi 200 realizzati all'estero. L'accordo fra Parmareggio, che ha sede a Modena, e Agriform, che ha sede a Sommacampagna in provincia di Verona, c'è già e verrà formalizzato prima di fine anno. La nuova realtà si porrà ai vertici del mercato dei formaggi grana Dop, potendo peraltro garantire il controllo completo della filiera produttiva attraverso le rispettive basi sociali. L'operazione di integrazione è seguita da PricewaterhouseCoopers, che ha affiancato Parmareggio e Agriform nella definizione delle sinergie e del piano industriale, e prevede una crescita significativa del fatturato nel triennio 2021-2024, con corrispondente miglioramento delle marginalità. Il processo di integrazione riconosce alla componente veneta una quota di minoranza "qualificata" nella nuova società, protetta da una serie di patti parasociali che le consentiranno un sostanziale equilibrio nella governance e il controllo di tutte le operazioni di natura straordinaria. "Forti dei risultati finora raggiunti da entrambe le imprese - ha dichiarato Ivano Chezzi, presidente di Parmareggio - l'unione delle nostre forze ci consentirà di aspirare ad ulteriori importanti sviluppi sui mercati nazionali ed internazionali, costruendo una società ancora più solida, più competitiva, e migliorando ulteriormente la valorizzazione dei prodotti di tutti i soci".