Italia markets close in 6 hours 44 minutes
  • FTSE MIB

    24.704,83
    -39,55 (-0,16%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,67 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,54 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.685,37
    +2,00 (+0,01%)
     
  • Petrolio

    63,29
    +0,16 (+0,25%)
     
  • BTC-EUR

    47.405,48
    -956,34 (-1,98%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.296,87
    -94,84 (-6,81%)
     
  • Oro

    1.788,70
    +8,50 (+0,48%)
     
  • EUR/USD

    1,2031
    +0,0050 (+0,42%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    29.106,15
    +136,44 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,57
    -0,42 (-0,01%)
     
  • EUR/GBP

    0,8658
    +0,0003 (+0,04%)
     
  • EUR/CHF

    1,1005
    -0,0017 (-0,16%)
     
  • EUR/CAD

    1,5001
    +0,0016 (+0,11%)
     

Accordo sindacati-Assodelivery contro caporalato in food delivery

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 24 mar. (askanews) - Un accordo contro lo sfruttamento e il caporalato nel comparto del food delivery. Cgil, Cisl, Uil e Assodelivery hanno sottoscritto, alla presenza del ministro del Lavoro, il protocollo quadro sperimentale per la legalità, contro il caporalato, l'intermediazione illecita e lo sfruttamento lavorativo nel settore del food delivery.

Si tratta di "un risultato importante - hanno spiegato i sindacati - che rappresenta la conclusione di uno dei percorsi di confronto sui diritti e le tutele dei riders, aperto presso il ministero del Lavoro. Il protocollo ha l'obiettivo di porre fine alle dinamiche che vedono questi lavoratori coinvolti in sfruttamento e pratiche lavorative illegali, che ne intaccano i diritti fondamentali".

Nel merito, il contenuto si snoda attorno a tre punti chiave: il primo riguarda l'impegno delle aziende aderenti ad Assodelivery ad adottare un modello organizzativo ai sensi del d.lgs. 231/2001, idoneo a prevenire comportamenti scorretti all'interno di un'azienda, e di un Codice Etico; il secondo punto assume l'impegno delle piattaforme a non ricorrere ad aziende terze, almeno fino a quando non verrà creato un apposito albo delle stesse piattaforme; l'ultimo punto, attiene alla costituzione di un Organismo di Garanzia il cui compito sarà di vigilare in posizione di terzietà sulle dinamiche lavorative dei riders e riportare eventuali specifiche segnalazioni alla Procura della Repubblica. Tale Organo lavorerà coordinandosi con il Tavolo di Governance e Monitoraggio, del quale fanno parte anche i rappresentanti dei lavoratori, oltre che le aziende.

"La firma odierna rappresenta un passo in avanti nel sistema di relazioni industriali che stiamo provando a costruire con le "piattaforme" del food delivery, e ringraziamo il ministero del Lavoro per il ruolo attivo e la funzione di garante nell'applicazione del Protocollo".

Ai circa 30.000 lavoratrici e lavoratori interessati però, "occorre al più presto che siano garantite le giuste tutele contrattuali, al fine di assicurare dignitose condizioni di lavoro, un equo compenso, misure adeguate di sicurezza. Sin troppo tempo è stato perso su questo tema. Per questo è importante continuare a lavorare seguendo il percorso intrapreso per chiudere in tempi brevi anche l'altro Protocollo su salute e sicurezza in tempo di Covid e sancire una vera contrattazione tra le Parti. Sarebbe paradossale se parallelamente all'avvio di un percorso che afferma la legalità e contrasta lo sfruttamento in questo settore, si continuasse ad utilizzare modelli contrattuali che, nelle circostanze date, favoriscono implicitamente l'insinuazione di soggetti illegittimi nell'intermediazione del lavoro".