Italia markets open in 7 hours 41 minutes
  • Dow Jones

    30.932,37
    -469,63 (-1,50%)
     
  • Nasdaq

    13.192,35
    +72,95 (+0,56%)
     
  • Nikkei 225

    28.966,01
    0,00 (0,00%)
     
  • EUR/USD

    1,2095
    +0,0007 (+0,06%)
     
  • BTC-EUR

    37.769,21
    -185,84 (-0,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    912,88
    -20,25 (-2,17%)
     
  • HANG SENG

    28.980,21
    -1.093,99 (-3,64%)
     
  • S&P 500

    3.811,15
    -18,19 (-0,48%)
     

Accordo su rinnovo contratto metalmeccanici, salario +112 euro

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Accordo raggiunto tra Federmeccanica, Assistal e Fim Fiom Uilm sul rinnovo del contratto dei metalmeccanici: in busta paga andranno a regime aumenti di 112 euro sui minimi mentre la vigenza contrattuale sarà allungata di oltre 1 anno, fino al giugno 2024. Si chiude così dopo 15 mesi di trattative, uno sciopero generale di categoria e un 'allungo' travagliato alla ricerca dell'intesa finale che si è trascinato per tre lunghi giorni, il rinnovo di uno dei contratti più importanti del settore industriale che coinvolge 1,6 mln di tute blu.

Confermati anche i 200 euro l’anno di flexible benefit mentre l'aumento salariale sarà diluito in 4 tranche a partire dal prossimo giugno : la prima di 25 euro; la seconda a giugno 2022 di altri 25 euro; la terza a giugno 2023, di circa 27 euro e l'ultima a giugno 2024 pari a 35 euro, circa il doppio dell'ipca prevista, dicono i sindacati. A siglare l'intesa, che ora dovrà essere 'bollinata' dai lavoratori, i leader di Fim Fiom Uilm, Roberto Benaglia, Francesca Re David e Rococ Palombella e il presidente di Federmeccanica, Alberto Dal Poz, il direttore generale, Stefano Franchi, e il presidente Assistal, Angelo Carlini.

Nel piatto del rinnovo anche l'innalzamento del contributo aziendale al fondo Cometa al 2,2% dal 2022 per gli under 35 e un'importante e "storica" riforma dell’inquadramento fermo al 1973 con l’eliminazione del primo livello. Previsto il rafforzamento delle relazioni industriali, dei diritti di informazione confronto e partecipazione; della formazione e in particolare del diritto soggettivo. Si introduce anche la clausola sociale sugli appalti pubblici, un testo "molto significativo" sulla violenza di genere, e norme relative allo smart working.