Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.088,36
    -340,57 (-1,52%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,03 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    +12,15 (+0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.631,45
    -125,41 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    51,98
    -1,15 (-2,16%)
     
  • BTC-EUR

    26.911,97
    +182,62 (+0,68%)
     
  • CMC Crypto 200

    651,44
    +41,45 (+6,79%)
     
  • Oro

    1.855,50
    -10,40 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    1,2174
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    29.447,85
    -479,91 (-1,60%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.602,41
    -15,94 (-0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8895
    +0,0036 (+0,40%)
     
  • EUR/CHF

    1,0768
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,5492
    +0,0117 (+0,76%)
     

Accordo Ue-Cina per tutela indicazioni geografiche alimentari -3

Loc

Bruxelles, 6 nov. (askanews) - Ci sono oggi 3.300 denominazioni Ue registrate come indicazione geografica protetta (Igp) o denominazione di origine protetta (Dop). Vi sono poi circa 1.250 denominazioni di paesi terzi protette nell'Ue, principalmente grazie ad accordi bilaterali come quello con la Cina. In termini di valore, il mercato delle indicazioni geografiche dell'Ue è di circa 74,8 miliardi di euro e complessivamente rappresenta il 15,4% di tutte le esportazioni Ue di prodotti alimentari e bevande. La cooperazione Ue-Cina in materia di indicazioni geografiche è iniziata nel 2006. Nel 2012 ci fu la registrazione e la protezione delle prime dieci indicazioni geografiche di entrambe le parti. "Il mercato cinese, con una classe media in aumento che apprezza i prodotti europei autentici, iconici e di alta qualità, ha un potenziale di crescita elevato per le bevande e i prodotti alimentari europei e vanta inoltre un proprio sistema di indicazioni geografiche consolidato, con specialità che grazie a questo accordo i consumatori europei potranno ora esplorare ulteriormente", conclude la Commissione nella sua nota.