Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.104,28
    -92,67 (-0,57%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.797,30
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8576
    -0,0009 (-0,10%)
     
  • EUR/CHF

    0,9871
    +0,0010 (+0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,4193
    +0,0068 (+0,48%)
     

Acri: alta inflazione riduce i risparmi accumulati da italiani

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 28 ott. (askanews) - L'inflazione sta riducendo i risparmi cumulati dagli italiani, perché per mantenere i consumi molti hanno fatto ricorso alle proprie riserve o a prestiti. Lo rileva l'Acri nella indagine annuale, condotta assieme all'Ipsos, in vista della giornata del risparmio.

Si riducono le famiglie in grado di far fronte con mezzi propri a situazioni di difficoltà: il 39% potrebbe affrontare con serenità una spesa imprevista pari a 10.000 euro, il 75% una di 1.000. La capacità di risparmio è quindi una fonte di tranquillità rispetto all'attuale situazione economia e rimane, come in passato, una priorità.

Secondo lo studio dell'Acri più di un terzo degli intervistati (37%), rileva lo studio, non vive tranquillo se non mette da parte qualche risparmio, che preferisce tenere liquido, facendo giocare agli investimenti un ruolo di secondo piano.

E in questo contesto gli italiani fanno sempre più fatica a trovare un investimento ideale.