Italia Markets open in 7 hrs 18 mins

Acri: italiani temono per il futuro, forte cautela nei consumi

Glv
·1 minuto per la lettura

Roma, 29 ott. (askanews) - La pandemia spaventa gli italiani, che mostrano un timore "generalizzato" sul futuro del paese e una forte cautela nei consumi. Lo rileva l'Acri nell'indagine annuale realizzata con l'Ipsos per la 96esima Giornata mondiale del risparmio in programma domani. La crisi economica "è innegabilmente grave, ma sono soverchianti le preoccupazioni sanitarie, che pongono in secondo piano i temi economici. La percezione di essere inseriti in un problema globale riduce la percezione di una specificità negativa italiana". Il clima degli italiani "nei confronti dell'economia e del risparmio è caratterizzato da evidenti contraddizioni. Da una parte si rileva una ritrovata serenità e fiducia rispetto alla propria situazione economica, dovuta al senso di tranquillità indotto dal largo incremento del numero di risparmiatori e, forse, da un ridimensionamento delle aspettative". "D'altra parte - sottolinea l'Acri - è diffusa una preoccupazione generalizzata circa i destini del paese e del mondo, che induce molta cautela nel consumo e nell'investimento. In questo contesto si acuiscono le differenze: una quota significativa di italiani, seppure minoritaria, sta velocemente riducendo la propria capacità di resistere alle difficoltà, mentre altri la stanno migliorando". I timori sul futuro "appaiono contrastati solo da una crescita della fiducia nell'Ue, nella direzione intrapresa e nelle potenzialità dell'euro".