Italia markets open in 2 hours 30 minutes
  • Dow Jones

    28.210,82
    -97,97 (-0,35%)
     
  • Nasdaq

    11.484,69
    -31,80 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    23.455,07
    -184,39 (-0,78%)
     
  • EUR/USD

    1,1846
    -0,0021 (-0,18%)
     
  • BTC-EUR

    10.770,98
    +1.441,57 (+15,45%)
     
  • CMC Crypto 200

    255,79
    +10,90 (+4,45%)
     
  • HANG SENG

    24.699,11
    -55,31 (-0,22%)
     
  • S&P 500

    3.435,56
    -7,56 (-0,22%)
     

Ad Rbm Salute: "Sanità integrativa in aiuto lavoratori più colpiti"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Una sanità integrativa più accessibile per i cittadini mettendo a disposizione di tutti l’esperienza di successo maturata nel settore del lavoro dipendente. Il modello di riferimento potrebbe essere quello introdotto nel 2001 per la previdenza complementare, con benefici fiscali estesi anche agli autonomi, ai liberi professionisti e a chi ha lavori flessibili, categorie che hanno subito più di altre l'emergenza Covid". E' la proposta lanciata da Marco Vecchietti, Amministratore delegato e Direttore generale di Intesa Sanpaolo Rbm Salute, intervenuto oggi alla tavola rotonda 'Il ruolo del secondo pilastro nella protezione delle pandemie', durante la Summer School 2020 di Motore Sanità dedicata a 'Innovazione e salute in un mondo globale'.

"Intesa Sanpaolo Rbm Salute - ha aggiunto - è pronta a svolgere un ruolo importante in questa direzione mettendo a disposizione dei nuovi Piani Sanitari Integrativi finalizzati ad ampliare la protezione della salute dei cittadini, a partire dalle aziende e dalle famiglie che già si avvalgono dei servizi del Gruppo Intesa Sanpaolo".

“Il rientro dei lavoratori in azienda e la ripresa economica, non può prescindere da una collaborazione tra pubblico e privato, anche in campo sanitario - osserva Vecchietti - L’efficacia dell’azione di salute pubblica definita dal Servizio Sanitario Nazionale richiede necessariamente un ruolo attivo, anche in termini finanziari, da parte delle imprese. È in tale contesto che possono venire in soccorso gli strumenti di welfare contrattuale e del welfare aziendale e, in particolare, le forme sanitarie integrative. Non si tratta di strumenti antagonisti del pubblico, ma - conclude - di soluzioni in grado di garantire integrazione e di flessibilità rispetto alle policy definite dal Governo e dalle Regioni.”