Italia markets open in 1 hour 30 minutes
  • Dow Jones

    26.519,95
    -943,24 (-3,43%)
     
  • Nasdaq

    11.004,87
    -426,48 (-3,73%)
     
  • Nikkei 225

    23.331,94
    -86,57 (-0,37%)
     
  • EUR/USD

    1,1761
    +0,0011 (+0,09%)
     
  • BTC-EUR

    11.287,97
    +17,27 (+0,15%)
     
  • CMC Crypto 200

    262,53
    -10,16 (-3,72%)
     
  • HANG SENG

    24.648,58
    -60,22 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    3.271,03
    -119,65 (-3,53%)
     

Addio alle monete a 1 e 2 centesimi: il piano dell'UE

Primo Piano
·2 minuti per la lettura
REUTERS/Kai Pfaffenbach
REUTERS/Kai Pfaffenbach

Spesso bistrattate e messe con malavoglia nel portamonete, presto le monetine da 1 e 2 centesimi potrebbero lasciare per sempre le tasche di milioni di europei.

Già fuori dal conio in Italia dal 2018, ma non dal “mercato” in quanto ancora in circolo per pagamenti e resti, le monete bronzate potrebbero presto essere quasi del tutto cancellate dall’uso quotidiano. A decidere sulle sorti delle due sarà la Commissione europea che ha avviato una valutazione d’impatto sull’uso delle due monetine e a fine 2021 deciderà se proporre di dismetterle.

VIDEO - Premio da 3mila euro per chi usa più la carta

Da Bruxelles, da sapere il Corriere della Sera, saranno avviato delle consultazioni pubbliche che dureranno 15 settimane per comprendere l’impatto e l’utilizzo delle due monete nel mercato comune. Alla fine del 2021 dunque la Commissione potrebbe decidere di presentare una proposta legislativa per la dismissione delle monetine da 1 e 2 centesimi.

Dismissione monete da 1 e 2 centesimi, cosa accadrà

In base alla decisione presa in sede di consultazione, la Commissione potrebbe prevedere una proposta legislativa per non scombussolare gli equilibri. Spesso abituati a ricevere il resto di 1 o 2 centesimi, milioni di europei potrebbero evitare i fastidiosi centesimi, spesso messi da parte o addirittura “buttati” per terra, semplicemente con l’arrotondamento dei prezzi.

Stando a quanto riferito dal quotidiano la Commissione starebbe infatti valutando di proporre un arrotondamento uniforme per i pagamenti in contante, per eccesso o difetto. Nel caso di dismissione infatti potrebbe prevedere l’arrotondamento dei prezzi per eccesso o per difetto ai 5 centesimi più vicini. Ad esempio, dovesse essere previsto un pagamento di 10,01€ l’arrotondamento verrebbe fatto per difetto a 10€ (così come per il pagamento a 10,02€), mentre per i pagamenti da 0,3 a 0,7 sarebbe arrotondato a 10,05€. Discorso diverso per i 10,08€ o 10,09€ che verrebbero arrotondati per eccesso ai 10,10€.

VIDEO - Recovery Fund, come si accede ai fondi europei

Pagare con 1 o 2 centesimi?

Ma che fine faranno le monetine? Di sicuro, come già avviene in Italia, i centesimi manterranno il proprio valore legale. Infatti sarà sempre possibile utilizzarle per pagare le cifre per eccesso o difetto dai 5 centesimi e tutti gli esercizi commerciali saranno autorizzati a renderle come resto.