Italia markets open in 2 hours 22 minutes
  • Dow Jones

    34.021,45
    +433,79 (+1,29%)
     
  • Nasdaq

    13.124,99
    +93,31 (+0,72%)
     
  • Nikkei 225

    28.085,06
    +637,05 (+2,32%)
     
  • EUR/USD

    1,2090
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • BTC-EUR

    40.837,64
    -1.479,11 (-3,50%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.356,11
    -31,79 (-2,29%)
     
  • HANG SENG

    27.981,51
    +262,84 (+0,95%)
     
  • S&P 500

    4.112,50
    +49,46 (+1,22%)
     

Addio Quota 100 a fine anno. Salvini lo sa? Ipotesi quota 102

Giuseppe Colombo
·Business editor L'Huffington Post
·2 minuto per la lettura
Draghi/Salvini (Photo: Ansa)
Draghi/Salvini (Photo: Ansa)

Due righe per cancellare una riforma. Quella quota 100 voluta dalla Lega di Matteo Salvini a gennaio del 2019, quando il Carroccio era al governo con il Movimento 5 stelle e a palazzo Chigi c’era Giuseppe Conte. Ora a Chigi c’è Mario Draghi e quella riforma, che scade a fine anno, non sarà prorogata. Pagina 29 della bozza del Recovery plan: “In tema di pensioni, la fase transitoria di applicazione della cosiddetta Quota 100 terminerà a fine anno e sarà sostituita da misure mirate a categorie con mansioni logoranti”. Ma tre le ipotesi in campo c’è anche quota 102.

La riforma di quota 100 dà la possibilità di andare in pensione prima di avere maturato i requisiti in vigore. Il meccanismo prevede l’uscita anticipata per chi ha almeno 62 anni di età e 38 anni di contributi. Quando fu ideata due anni fa, l’allora governo Conte 1 pensò a quota 100 per tre anni. Ma le previsioni - un milione di uscite nel triennio - si sono rivelate sballate. Secondo il Rapporto Itinerari previdenziali del 16 febbraio, infatti, a uscire in anticipo dal mondo del lavoro nel 2019-2020 sono stati circa 267mila lavoratori.

Le sorti di quota 100 sono rimaste appese anche con l’avvicendamento a palazzo Chigi tra Conte e Draghi. Salvini ha sempre rimandato la questione a fine anno, quando la riforma arriverà a scadenza. Ma il Recovery dà le cose già per fatte. Dal prossimo anno non ci saranno più soldi per quota 100. La Lega ora spinge per la cosiddetta quota 41, riservata oggi a una platea molto ristretta di lavoratori precoci e che invece il Carroccio vorrebbe estendere a tutti, al di là dell’età anagrafica. Attualmente quota 41 è riservata a chi ha iniziato a lavorare da giovanissimo e può far valere un anno di contribuzione prima di aver compiuto 19 anni, oltre ad aver maturato poi in tutto almeno 41 anni di co...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.