Italia markets close in 7 hours 23 minutes
  • FTSE MIB

    21.913,96
    -73,04 (-0,33%)
     
  • Dow Jones

    30.937,04
    -22,96 (-0,07%)
     
  • Nasdaq

    13.626,06
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.635,21
    +89,03 (+0,31%)
     
  • Petrolio

    52,95
    +0,34 (+0,65%)
     
  • BTC-EUR

    25.769,92
    -559,90 (-2,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    628,59
    -11,33 (-1,77%)
     
  • Oro

    1.846,00
    -4,90 (-0,26%)
     
  • EUR/USD

    1,2152
    -0,0016 (-0,13%)
     
  • S&P 500

    3.849,62
    -5,74 (-0,15%)
     
  • HANG SENG

    29.297,53
    -93,73 (-0,32%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.582,00
    -10,83 (-0,30%)
     
  • EUR/GBP

    0,8846
    -0,0006 (-0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,0778
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,5460
    +0,0025 (+0,16%)
     

Agcom: prosegue diffusione linee ultrabroadband, sono oltre il 60% -2-

Voz
·1 minuto per la lettura

Roma, 16 lug. (askanews) - Relativamente al settore televisivo, rispetto a marzo 2019 la Rai continua a detenere la leadership in termini di audience con il 36% e una crescita di +0,1 punti percentuali; il secondo operatore, Mediaset, con 4,5 milioni di telespettatori nel giorno medio, registra una contrazione (-0,6 punti percentuali) raggiungendo una share del 32%. Nello stesso periodo, Discovery e La7 del Gruppo Cairo registrano performance positive con incrementi delle quote di ascolto rispettivamente dello 0,6% e 0,2%. In diminuzione invece gli ascolti registrati da Comcast/Sky che risultano in contrazione di 0,8 punti percentuali). Analizzando l'evoluzione delle audience delle edizioni serali dei principali programmi di informazione (i telegiornali), nel giorno medio, Tg1 e Tg5 si confermano i pi seguiti (complessivamente con circa 13,6 milioni di ascoltatori e una crescita, rispettivamente, di +2,2 e +2,5 punti percentuali). Al terzo posto si colloca l'edizione serale della testata a carattere locale di Rai 3 (TgR) con una share, pari al 16,8%, in crescita di +4,7 punti percentuali. Per il settore dell'editoria si conferma il trend negativo gi evidenziato nei precedenti Osservatori: nel mese di marzo 2020, la vendita di quotidiani (copie cartacee e copie digitali) pari a circa 2,3 milioni di copie, in flessione del 22% su base annua. Con riferimento all'intero periodo considerato (marzo 2016 - marzo 2020), le copie giornaliere cartacee complessivamente vendute dai principali editori si sono quasi dimezzate, passando da 2,2 a 1,2 milioni di unit. Contestualmente, le copie digitali risultano in netta flessione se consideriamo l'intero periodo (-24% punti percentuali) e in lieve incremento se esaminiamo i valori di marzo 2019 (+1 punto percentuale).(Segue)