I mercati italiani chiudono fra 4 ore 14 min

Agcom, regolatori siano osservatori autoregolazione degli OTT

Fgl

Roma, 12 ott. (askanews) - Il tema della misinformation in Rete richiede sforzi supplementari di studio, comprensione e misurazione degli impatti e delle misure di autoregolamentazione annunciate dagli "Over The Top" quali Google e Facebook. Lo ha evidenziato il Commissario Agcom Antonio Nicita intervenendo alla 48ma conferenza dell'International Institute of Communication a Bruxelles.

"La diffusione di informazioni false e ingannevoli - ha detto Nicita nel suo intervento davanti ai rappresentanti dei regolatori di oltre venti Paesi, nel corso della sessione intitolata "Policing the Internet in an era of fake news: what kind of Internet do we want?" - è il risultato congiunto di fallimenti di mercato dal lato della domanda, attraverso le cosiddette filter bubbles ed echos chambers, e della profilazione finalizzata al phishing per attrarre attenzione monetizzabile dall'inserzionismo pubblicitario".

"Le misure per risolvere i rischi della misinformation, quali quelli di incrementare la polarizzazione e l'hate speech, sono molteplici e passano innanzitutto da immediate azioni di autoregolazione e di investimenti in un'alfabetizzazione che sia strategica e finalizzata ad aumentare la consapevolezza dei fruitori, anche con riferimento alla cessione implicita dei dati personali", ha aggiunto Nicita.

Il Commissario dell'Autorità ha concluso invitando i cosiddetti Over the Top ad aprire le porte dei loro business model ad osservatori indipendenti che possano verificare i risultati delle misure di autoregolamentazione adottate: "occorre passare dagli annunci a una concreta osservazione da parte di terzi indipendenti di ciò che viene fatto e dell'impatto generato".