FTSE MIB
21.613,30
+78,78
0,37%
Genera grafico per FTSEMIB.MI
ALL-SHARE
23.043,57
+92,74
0,40%
ITLMS.MI
Ftse 100
6.625,25
+41,08
0,62%
^FTSE
Dax
9.409,71
+91,89
0,99%
^GDAXI
Dow Jones
16.408,54
-16,31
0,10%
^DJI
S&P 500
1.864,85
+2,54
0,14%
^GSPC
Nikkei 225
14.516,27
+98,74
0,68%
^N225
Euro-Dollaro
1,3819
0,0006
0,04%
Genera grafico per EURUSD=X
Euro-Sterlina
0,8232
0,0007
0,08%
EURGBP=X
Euro-Franc...
1,2198
0,00
0,00%
EURCHF=X
Dollaro-St...
0,5957
0,0002
0,04%
USDGBP=X
Euro-Yen
141,5070
0,059
0,04%
EURJPY=X
Euro-Yuan
8,6147
0,0236
0,28%
EURCNY=X
Euro-Rublo
49,1758
0,0202
0,04%
EURRUB=X
Petrolio gr.
104,59
0,83
0,80%
Genera grafico per CLK14.NYM
Gas naturale
4,74
0,20
+4,53%
NGK14.NYM
Oro
1.294,60
-8,90
0,68%
GCM14.CMX
Argento
19,67
0,01
0,05%
SIN14.CMX
Rame
3,04
0,02
0,51%
HGK14.CMX
Grano
697,50
+2,25
0,32%
WN14.CBT
Mais
499,25
-4,25
0,84%
CN14.CBT
 

Agenzie rating, cambia il giudizio sull'economia

Il mondo del rating cambia. Massimo tre giudizi all’anno, riduzione della dipendenza dalle valutazioni esterne, maggiore concorrenza e introduzione della responsabilità civile. Questi i punti cardine dell’accordo politico raggiunto da Europarlamento, governi e Commissione europea sulle regole per le agenzie di rating. Adesso la palla passa all’Europarlamento che dovrà approvare il testo nella sessione plenaria di gennaio.

Dopo mesi di discussioni c’è soddisfazione per l’accordo raggiunto sul cosiddetto “trilogo europeo”, anche se è cambiato qualcosa rispetto alle proposte originarie, sia sulla valutazione del debito sovrano, sia sull’introduzione di una piena concorrenza per superare il controllo del mercato da parte delle tre sorelle, Standard&Poor’s, Moody’s e Fitch. “Si è trattato di un negoziato molto difficile, ma abbiamo fatto compiere alla legislazione un passo avanti lungo un percorso che dovremo esplorare ulteriormente”, è il commento del relatore della proposta, Leonardo Domenici (Pd). Secondo molti europarlamentari, infatti, “molto resta ancora da fare per tenere a freno l’attività delle agenzie di rating le cui valutazioni possono essere non ben fondate ma se pubblicate al momento giusto possono far aggravare la crisi”.

In passato i downgrade delle agenzie di rating, giunti nei momenti meno opportuni, hanno avuto effetti deleteri sui mercati, con il conseguente affossamento dei debiti sovrani dei Paesi che hanno subito una bocciatura. Ecco che con questa nuova regolamentazione, l’Europa vuole evitare che il potere delle agenzie sia usato contro le economie delle nazioni interessate. I rating sul debito sovrano non arriveranno all’improvviso, come avviene oggi. Le agenzie dovranno definire un calendario, ogni anno, delle valutazioni che comporterà un massimo di tre rating ogni dodici mesi non richiesti dallo Stato emittente. I rating saranno pubblicati il venerdì dopo la chiusura dei mercati e almeno un’ora prima dell’apertura, con eccezioni per circostanze particolari. Inoltre gli Stati come gli investitori avranno accesso agli elementi sui quali si fonda la valutazione delle agenzie.

Per quanto riguarda la concorrenza, in caso di valutazioni multiple gli emittenti saranno incoraggiati a ricorrere ad almeno una “piccola” agenzia di rating secondo il principio “rispetta o spiega”; se non vi ricorrono dovranno offrire una spiegazione che giustifichi la scelta. L’obbligo di rotazione dopo quattro anni viene introdotto per garantire più trasparenza e riguarderà alcune categorie di prodotti strutturati, come nel caso delle ricartolarizzazioni.

Piccoli passi in avanti anche sul fronte della dipendenza. In tal senso, infatti, è stato stabilito che le finanziarie dovranno mettere a punto un sistema di valutazione interna sulla solvibilità che non tenga conto solo dei rating delle agenzie. Per limitare i conflitti d’interesse, l’accordo ha riconosciuto l’introduzione di limiti formali all’azionariato. In particolare è stato introdotto un obbligo di trasparenza nel caso in cui l’agenzia ha degli interessi nell’attività valutata o nei suoi prodotti, nonché nel caso in cui l’entità valutata è azionista dell’agenzia o se gli inserzionisti dell’agenzia hanno degli interessi nell’entità valutata.

L’azionariato di un medesimo investitore in diverse agenzie di rating è stato inoltre limitato al 5 per cento. E in tema di responsabilità civile, se l’Europarlamento ratificherà l’accordo raggiunto a Bruxelles, spetterà alle stesse agenzie di rating rispondere nel caso di errori dovuti a negligenza.


Discesa da 3 a 5 barre
Qui di seguito tratteremo un pattern elaborato da Oliver Velez e Frank Capra, autori di Master Trader, che reputo uno tra i migliori libri tradotti in italiano sulle tecniche di trading...
Come usare la
Andrews' Pitchfork

La Andrews’ Pitchfork prende
il nome dal suo ideatore, Alan Andrews che ha messo a punto questo strumento per identificare
gli obiettivi di prezzo e calcolare
la velocità con la quale tali obiettivi possono essere raggiunti...
Un setup completo di ingresso con la Barra di Esaurimento
Uno dei miei pattern preferiti
di inversione è senz’altro quella
che definisco come “Barra di Esaurimento” che per brevità
d’ora innanzi indicheremo con
la sigla “BE”...


UNA PAROLA AL GIORNO


Rialzista
Sai che cosa si indica con questo termine nel linguaggio finanziario e borsistico? Scoprilo subito!


Le ultime notizie

  • Il fiscal cliff frena le Borse. Titoli da preferire e da evitare
    Fiscal Cliff, corsa contro il tempo Yahoo! Finanza - ven 28 dic 2012 18:35 CET

    Una corsa contro il tempo. Questione di giorni. Anzi, di ore. L’America ha tempo fino al 31 dicembre per evitare il baratro fiscale. Lo spettro del “fiscal cliff” diventa … Continua »Fiscal Cliff, corsa contro il tempo

    Il fiscal cliff frena le Borse. Titoli da preferire e da evitare

    Una corsa contro il tempo. Questione di giorni. Anzi, di ore. L’America ha tempo fino al 31 dicembre per evitare il baratro fiscale. Lo spettro del “fiscal cliff” diventa sempre più minaccioso anche perché, ad oggi, il presidente Barack Obama e il Congresso (a maggioranza repubblicana) non hanno trovato nessun accordo.

  • Barack Obama torna alla Casa Bianca
    Stati Uniti, minaccia fiscal cliff Yahoo! Finanza - ven 21 dic 2012 14:42 CET

    Nessun accordo sul fiscal cliff. Non c’è stato alcun voto per il “piano B” dello speaker della Camera repubblicana, John Boehner. Tutto saltato perché mancavano i voti … Continua »Stati Uniti, minaccia fiscal cliff

    Barack Obama torna alla Casa Bianca

    Nessun accordo sul fiscal cliff. Non c’è stato alcun voto per il “piano B” dello speaker della Camera repubblicana, John Boehner. Tutto saltato perché mancavano i voti necessari. Il “piano B” di Boehner prevedeva un aumento delle tasse solo per chi guadagna oltre un milione di dollari.

  • Europa, ora il debito tedesco fa paura Yahoo! Finanza - mer 19 dic 2012 16:26 CET

    Anche la Germania deve fare i conti con il suo debito pubblico. Secondo Bruxelles non ci sono rischi nel breve termine, ma bisogna ridurre il debito. Tutta colpa della … Continua »Europa, ora il debito tedesco fa paura

    Anche la Germania deve fare i conti con il suo debito pubblico. Secondo Bruxelles non ci sono rischi nel breve termine, ma bisogna ridurre il debito. Tutta colpa della spesa previdenziale e sanitaria di uno Stato sempre più vecchio. Il Rischio è che il debito non scenderà sotto il 60% del Pil prima del 2030. Uno smacco …

  • La mossa di Mario Draghi
    Mario Draghi, uomo dell'anno per il FT Yahoo! Finanza - ven 14 dic 2012 14:52 CET

    “L’italiano determinato a salvare l’euro”. Il Financial Times ha incoronato Mario Draghi l’uomo dell’anno 2012. Ecco cosa ha fatto negli ultimi 12 mesi il governatore … Continua »Mario Draghi, uomo dell'anno per il FT

    La mossa di Mario Draghi

    “L’italiano determinato a salvare l’euro”. Il Financial Times ha incoronato Mario Draghi l’uomo dell’anno 2012. Ecco cosa ha fatto negli ultimi 12 mesi il governatore della Banca Centrale Europea.

  • Che Mario Monti non sia Lohengrin?
    Crisi di governo: ecco cosa Monti non riuscirà a fare … Yahoo! Finanza - mer 12 dic 2012 17:04 CET

    Non c’è tempo per portare a termine tutto quello che era già stato cominciato. Il governo Monti, arrivato al capo linea, non riuscirà a completare alcune riforme che … Continua »Crisi di governo: ecco cosa Monti non riuscirà a fare …

    Che Mario Monti non sia Lohengrin?

    Non c’è tempo per portare a termine tutto quello che era già stato cominciato. Il governo Monti, arrivato al capo linea, non riuscirà a completare alcune riforme che aveva già avviato, come quella del riordino delle Provincie o la delega fiscale.