Italia markets open in 6 hours 35 minutes
  • Dow Jones

    29.926,94
    -346,93 (-1,15%)
     
  • Nasdaq

    11.073,31
    -75,33 (-0,68%)
     
  • Nikkei 225

    26.951,91
    -359,39 (-1,32%)
     
  • EUR/USD

    0,9795
    0,0000 (-0,00%)
     
  • BTC-EUR

    20.445,72
    -383,41 (-1,84%)
     
  • CMC Crypto 200

    455,61
    -7,52 (-1,62%)
     
  • HANG SENG

    18.012,15
    -75,82 (-0,42%)
     
  • S&P 500

    3.744,52
    -38,76 (-1,02%)
     

Agricoltore porta in tribunale Volkswagen per emissioni CO2

(Adnkronos) - La casa automobilistica tedesca Volkswagen sarà processata per le emissioni di anidride carbonica (CO2) dei suoi veicoli dopo che un tribunale regionale tedesco ha accettato la causa presentata da un agricoltore locale. Il tribunale in questione, nella città di Detmold, nello stato della Renania Settentrionale-Vestfalia, ha annunciato oggi che il processo è previsto per il 3 febbraio 2023.

Sebbene il giudice che ha presieduto la causa abbia criticato la mancanza di chiarezza nella causa dell'agricoltore, il suo avvocato ha considerato un successo il fatto che la causa non sia stata respinta a priori. Con l'azione legale, l'agricoltore vuole che l'azienda tedesca smetta di vendere auto e veicoli commerciali leggeri alimentati da motori a combustione a partire dal 2030. Ad oggi, l'Unione Europea (Ue) prevede di adottare tale misura nel 2035.

Il 62enne agricoltore biologico Ulf Allhoff-Cramer accusa il secondo produttore di auto al mondo di essere responsabile dell'1% delle emissioni globali di CO2. Secondo Allhoff-Cramer, sta mettendo in pericolo il futuro dell'agricoltura e la sua stessa esistenza commerciale.

In una nota, Volkswagen ha respinto le accuse e le ha contrapposte ai suoi progressi nel campo della mobilità elettrica. Inoltre, ha sostenuto che la maggior parte delle emissioni di CO2 delle autovetture rientra nella sfera di influenza dei conducenti e non del produttore.

A suo avviso, inoltre, non è possibile prevedere le conseguenze concrete del cambiamento climatico su piccola scala, come sostiene la causa di Allhoff-Cramer.

Nonostante la decisione odierna, il marchio spera ancora che la causa venga archiviata e ha espresso "seri dubbi" sulle osservazioni fatte dal giudice.