Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.718,81
    -12,08 (-0,05%)
     
  • Dow Jones

    34.347,03
    +152,97 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    11.226,36
    -58,96 (-0,52%)
     
  • Nikkei 225

    28.283,03
    -100,06 (-0,35%)
     
  • Petrolio

    76,28
    -1,66 (-2,13%)
     
  • BTC-EUR

    15.807,56
    -157,40 (-0,99%)
     
  • CMC Crypto 200

    386,97
    +4,32 (+1,13%)
     
  • Oro

    1.754,00
    +8,40 (+0,48%)
     
  • EUR/USD

    1,0405
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • S&P 500

    4.026,12
    -1,14 (-0,03%)
     
  • HANG SENG

    17.573,58
    -87,32 (-0,49%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.962,41
    +0,42 (+0,01%)
     
  • EUR/GBP

    0,8595
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    0,9837
    +0,0023 (+0,23%)
     
  • EUR/CAD

    1,3906
    +0,0028 (+0,20%)
     

Agricoltura, Copagri: "Puntare a sovranità alimentare, è in gioco la dignità del Paese"

(Adnkronos) - L'agricotura è un "comparto fondamentale, oserei dire imprescindibile. È un settore che non produce bulloni, ma dal quale dipende qualcosa di ancora più importante e sicuramente insostituibile, ovvero il cibo. E questo si è visto chiaramente, solo per fare un esempio, in occasione della pandemia che ha sconvolto le vite di noi tutti". "Ad essere in gioco non c’è solo la capacità dell’Italia di assicurare il cibo ai propri cittadini, ma anche la stessa sovranità alimentare della nostra Penisola". E' quanto sostiene il presidente di Copagri, Franco Verrascina, riallacciandosi al nome che il nuovo governo ha voluto dare al ministero guidato da Francesco Lollobrigida, intervenendo dal palco del VI Congresso .

"Vediamo quasi quotidianamente esempi di come gli altri Paesi comunitari, che sono anche nostri competitor in termini economici, stiano puntando con decisione sulla sovranità alimentare. - aggiunge -L’Italia non può assolutamente permettersi di rimanere a guardare o, peggio, di abdicare a questa stringente necessità, in quanto un Paese che non riesce a garantire il cibo al proprio popolo non è degno di essere chiamato Paese".

"Seguendo questo ragionamento, appare ancora più chiaro quanto sia importante usare tutte le ingenti risorse derivanti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza-Pnrr, che sono fondamentali tanto per l’agricoltura quanto per il Paese intero" sottolinea Verrascina. "In tal senso, il Pnrr deve essere visto come una grande opportunità per attuare le riforme finora mancate, in modo da rilanciare la crescita economica nel medio-lungo periodo, coinvolgendo attivamente le imprese nell’implementazione dello stesso. È arrivato il momento delle visioni lungimiranti e dei piani strategici di lungo e ampio respiro e l’agricoltura intera è pronta a fare la sua parte" conclude.