Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,97 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,23 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,39 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,45 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    48.695,09
    +678,29 (+1,41%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,28 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    +0,0098 (+0,82%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,81 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8695
    +0,0013 (+0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4743
    +0,0081 (+0,55%)
     

Agricoltura, mancata intesa in ripartizione fondi Feasr a Regioni

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 21 apr. (askanews) - Ancora una mancata intesa in Conferenza Stato-Regioni, nella ripartizione dei fondi europei del Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale (FEASR) relativo gli anni 2021 e 2022, per un importo complessivo di 3.915.095.032 euro, assegnati all'Italia per la programmazione futura del Programma di sviluppo rurale. Ora toccherà al ministro delle Politiche agricole, Stefano Patuanelli, presentere uno schema di riparto al Consiglio dei ministri.

Intanto, l'assessore all'Agricoltura e Cibo della Regione Piemonte, Marco Protopapa annuncia che la regione andrà avanti nella programmazioe del Psr 2021-2022. "Nonostante i solleciti per il riparto dei fondi Feasr alle Regioni in tempi brevi oggi apprendo della mancata intesa che determinerà ritardi nella determinazione delle risorse economiche per l'attuazione del Programma di sviluppo rurale per i due anni di transizione. Il Piemonte comunque va avanti nella programmazione del Psr 2021-2022 e la Regione - spiega - è partita con i bandi sulle misure del Psr agroambientali, in agricoltura biologica e nella partecipazione ai regimi di qualità".

"Non possiamo più attendere e abbiamo l'urgenza di sostenere le nostre aziende agricole che hanno necessità di rispettare gli impegni presi. In ogni caso - aggiunge - ci aspettiamo che il governo confermi la proposta di riparto formulata dal ministro Patuanelli e sulla quale si sono espresse a favore ben 15 Regioni tra le quali il Piemonte. In questo modo si sancirebbe il superamento degli iniqui e anacronistici 'criteri storici' e le nostre aziende potrebbero finalmente contare su fondi commisurati al reale peso dell'agricoltura piemontese".

Al Tavolo verde, convocato il 21 aprile dall'Assessorato regionale all'Agricoltura con la partecipazione delle organizzazioni agricole, è stato affrontato il tema dell'attuazione delle misure strutturali del Psr per i due anni di transizione. "In particolare ho espresso la volontà della Regione di attuare la misura del Psr rivolta alle aziende agricole per investimenti nella prevenzione dei danni da calamità naturali - precisa l'assessore Protopapa - e in questo si considerano anche gli interventi per la protezione dal gelo che hanno causato gravi danni a gran parte del comparto agricolo nel mese di aprile". _____________