Italia markets close in 4 hours 8 minutes
  • FTSE MIB

    26.106,43
    +253,44 (+0,98%)
     
  • Dow Jones

    34.899,34
    -905,06 (-2,53%)
     
  • Nasdaq

    15.491,66
    -353,54 (-2,23%)
     
  • Nikkei 225

    28.283,92
    -467,70 (-1,63%)
     
  • Petrolio

    71,57
    +3,42 (+5,02%)
     
  • BTC-EUR

    50.422,17
    +1.741,90 (+3,58%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.423,38
    -32,03 (-2,20%)
     
  • Oro

    1.794,30
    +6,20 (+0,35%)
     
  • EUR/USD

    1,1296
    -0,0024 (-0,21%)
     
  • S&P 500

    4.594,62
    -106,84 (-2,27%)
     
  • HANG SENG

    23.852,24
    -228,28 (-0,95%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.126,63
    +37,05 (+0,91%)
     
  • EUR/GBP

    0,8461
    -0,0026 (-0,31%)
     
  • EUR/CHF

    1,0435
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,4392
    -0,0079 (-0,55%)
     

Agricoltura, Margiotta (Confsal): "Fabbrica delle competenze per rilanciare settore al Sud"

·3 minuto per la lettura

La prima tappa di un percorso comune che vede uniti, come Fronte del lavoro, i rappresentanti dei lavoratori e delle aziende per offrire il proprio contributo di idee in difesa del lavoro, per l'aumento dell'occupazione, per la difesa delle competitività delle imprese, per la ripartenza del Paese. La proposta è stata al centro dell'incontro "Ripartiamo insieme lavoratori ed aziende per un nuovo patto di rilancio dell'agricoltura del Mezzogiorno", che si è svolto a Palazzo Merulana a Roma, organizzato dalla Confsal e dal dipartimento Agricoltura.

"Serve una battaglia comune per creare al Sud in agricoltura una fabbrica delle competenze che permetta ai giovani di rimanere e di formarsi. Gli Istituti tecnici di superiori del settore agro-alimentare sono solo due nel Mezzogiorno dobbiamo accendere le luci su questo problema", così ha dichiarato il segretario generale Confsal Angelo Raffaele Margiotta aprendo i lavori.

Come è possibile colmare quel divario atavico tra nord e sud del Paese? Quali incentivi e quali politiche sono necessarie per la difesa dell'ambiente, per lo sviluppo di un'economia più sostenibile? E infine, che cosa si può fare per fermare la piaga del caporalato e l'emorragia di giovani che ogni anno lasciano il Mezzogiorno alla ricerca di un futuro migliore? Il Pnrr offre un'occasione imperdibile ma ciò che più conta è saper spendere al meglio questi fondi e offrire agli amministratori, ai lavoratori e alle imprese gli strumenti necessari.

"Riponiamo la nostra forte volontà di fare dell'agricoltura un vero e proprio manifesto della ripresa ma dobbiamo fare uno sforzo enorme: se non c'è una base culturale e una visione rimane solo il chiacchiericcio a uso mediatico", ha aggiunto Margiotta.

"Il patto di rilancio di cui si parla oggi non solo è un progetto ma una necessità del paese, il settore dell'agricoltura deve essere consapevole della sua nuova centralità, che la svolta green in corso in tutto l'occidente rende protagonista", ha spiegato la ministra del Sud Mara Carfagna. "Nell'agroalimentare - infatti - si stima sia possibile creare fino a un milione di nuovi posti di lavoro green entro i prossimi dieci anni con una decisa svolta dell'agricoltura verso la rivoluzione verde, la transizione ecologica e il digitale", ha confermato il viceministro allo Sviluppo economico Gilberto Pichetto Fratin.

Ed il biologico svolge un ruolo fondamentale nel Mezzogiorno. "Il Mipaaf sta per lanciare una serie di iniziative di comunicazione volte a promuovere i prodotti e le filiere biologiche", ha annunciato il sottosegretario al Mipaaf Francesco Battistoni. Secondo il presidente della commissione agricoltura della Camera, Francesco Gallinella "la sfida che ci attende è di produrre più cibo di alta qualità diminuendo l'impatto ambientale".

Per il vicepresidente al Parlamento europeo Paolo De Castro "la dimensione commerciale è importante quanto la qualità del prodotto, occorre capacità organizzativa". "Dobbiamo essere meno individualisti e fare sistema", ha detto il presidente Ismea Angelo Frascarelli. "Ma la sfida più grande è dare ai giovani la possibilità di individuare gli strumenti finanziari adeguati allo sviluppo delle proprie idee imprenditoriali", ha aggiunto Antonino Sgrò, presidente dell'Ordine dottori agronomi e forestali della provincia di Reggio Calabria.

"I lavoratori e i giovani sono il punto di forza, occorre garantire misure a tutela del lavoro regolare e la soppressione del sommerso", chiarisce Cosimo Nesci responsabile del dipartimento agricoltura Confsal.

"La nostra battaglia come Confsal e dipartimento per il Sud è che anche i lavoratori agricoli facciano parte del programma Gol. Solo attraverso una formazione - ha concluso Mariella Mamone - possiamo far sì che i giovani siano appetibili per il mercato del lavoro".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli