Italia markets close in 1 hour 30 minutes
  • FTSE MIB

    22.681,03
    +192,54 (+0,86%)
     
  • Dow Jones

    33.261,09
    +486,68 (+1,48%)
     
  • Nasdaq

    12.760,62
    +266,70 (+2,13%)
     
  • Nikkei 225

    27.819,33
    -180,63 (-0,65%)
     
  • Petrolio

    89,39
    -1,11 (-1,23%)
     
  • BTC-EUR

    23.283,83
    +633,77 (+2,80%)
     
  • CMC Crypto 200

    564,20
    +32,98 (+6,21%)
     
  • Oro

    1.812,40
    +0,10 (+0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,0325
    +0,0108 (+1,05%)
     
  • S&P 500

    4.190,44
    +67,97 (+1,65%)
     
  • HANG SENG

    19.610,84
    -392,60 (-1,96%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.744,78
    +29,41 (+0,79%)
     
  • EUR/GBP

    0,8443
    -0,0013 (-0,15%)
     
  • EUR/CHF

    0,9719
    -0,0019 (-0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,3229
    +0,0072 (+0,55%)
     

Agroalimentare, prodotti a marchio crescono in primi 3 mesi 2022

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 6 apr. (askanews) - Nel primo trimestre del 2022 i prodotti a marchio del distributore ricominciano a crescere a un ritmo superiore rispetto al totale mercato (+2,7% contro +1,6%) e riguadagnano quota, malgrado un'inflazione media più elevata (2,3%).

E' quanto anticipato dal "XVIII Rapporto Marca by BolognaFiere" curato da IRi-Information Resources, che mercoledì 13 aprile, verrà presentato a BolognaFiere nel corso della diciottesima edizione di Marca by Bolognafiere.

E il dato principale del Rapporto è che l'anno in corso riparte in discontinuità, cioè col segno 'più', rispetto a quanto osservato nel 2021. La risposta del settore all'aumento dei listini è il taglio della pressione promozionale, che nella Marca del Distributore raggiunge i -1,7 punti, senza provocare effetti sui volumi (+1,0%). La Marca del Distributore continua, dunque, a crescere nonostante la battuta di arresto legata soprattutto al periodo marzo-maggio 2021.

Dopo un 2020 straordinario, in cui la MDD aveva raggiunto e superato la quota del 20%, toccando gli 11,8 miliardi di euro di vendite nel largo consumo confezionato, il 2021 si è chiuso con un fatturato complessivo pari a 11,7 miliardi (-0,9%) e una quota del 19,8% (-0,3 punti rispetto all'anno precedente).

A penalizzare il trimestre marzo-maggio 2021, il confronto con i mesi di lockdown del 2020, quando le limitazioni alla mobilità, la conseguente riscoperta della prossimità, la riduzione della pressione promozionale e le difficoltà di approvvigionamento avevano prodotto un contesto particolarmente favorevole alle performance della Marca del Distributore. In ogni caso, nonostante il calo, già quello del 2021 rimane un fatturato superiore del +9,0% rispetto al 2019, così come la quota assortimentale raggiunge il 15% e fa segnare +0,3 punti rispetto a quella dell'anno pre-pandemia.

Il Rapporto evidenzia, poi, che le linee specialistiche e ad alto valore aggiunto confermano buone performance anche nel 2021: il Premium registra una crescita del +13,6% e il Funzionale del +6,0%. Rallenta, invece, lo sviluppo del Bio che, dopo aver chiuso un 2020 in crescita del +6,8%, si attesta al +1,5%. Il segmento Insegna, il più importante della Marca del Distributore (detiene il 69,9% del fatturato complessivo), nell'anno appena concluso ha subito una contrazione del -3,2%, ma i livelli di fatturato sono superiori al 2019, con una crescita del +5,3%.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli