Italia markets open in 7 hours 19 minutes
  • Dow Jones

    35.258,61
    -36,15 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    15.021,81
    +124,47 (+0,84%)
     
  • Nikkei 225

    29.025,46
    +474,56 (+1,66%)
     
  • EUR/USD

    1,1616
    -0,0003 (-0,02%)
     
  • BTC-EUR

    53.382,54
    +191,91 (+0,36%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.430,53
    -21,11 (-1,45%)
     
  • HANG SENG

    25.409,75
    +78,75 (+0,31%)
     
  • S&P 500

    4.486,46
    +15,09 (+0,34%)
     

Ai francesi di La Martiniquaise la maggioranza di Mixer cocktails

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 6 ott. (askanews) - Il colosso francese La Martiniquaise-Bardinet (Lmb)ha acquisito il pacchetto di maggioranza di Mixer Cocktails. Lmb è tra i primi 10 gruppi di spirits al mondo con un ampio portafoglio di marchi internazionali distribuiti in più di 110 paesi. Il marchio "Mixer", di proprietà dell'omonima azienda con sede a Argelato, nel bolognese, un fatturato di 5 milioni di euro con export in 50 Paesi nel mondo, entra quindi nella costellazione dei brand di proprietà del gruppo La Martiniquaise tra cui spiccano brand che fanno parte del Milionarie Club come Label 5, Sir Edward's e Poliakov, Porto Cruz, Saint James, Cutty Sark e la storica Marie Brizard.

L'acquisizione del pacchetto di maggioranza della società Mixer S.r.l. è stata realizzata tramite la società italiana del gruppo, la società Dilmoor-Perlino S.p.A., attiva nella produzione e commercializzazione di distillati, liquori, sciroppi, vini, spumanti e vermouth, principalmente distribuiti nella grande distribuzione. Questa operazione si inquadra nella strategia di La Martiniquaise di sub-consolidamento della sede italiana Dilmoor-Perlino per rafforzarne ulteriormente la presenza e distribuzione dei brand di gruppo sul canale Horeca.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli