Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.923,82
    -21,76 (-0,06%)
     
  • Nasdaq

    14.295,15
    +41,88 (+0,29%)
     
  • Nikkei 225

    28.874,89
    -9,24 (-0,03%)
     
  • EUR/USD

    1,1932
    -0,0011 (-0,10%)
     
  • BTC-EUR

    27.918,89
    +45,08 (+0,16%)
     
  • CMC Crypto 200

    797,49
    -12,70 (-1,57%)
     
  • HANG SENG

    28.817,07
    +507,31 (+1,79%)
     
  • S&P 500

    4.250,20
    +3,76 (+0,09%)
     

Aifa, in Italia 34 casi trombosi rare dopo vaccino AstraZeneca

·1 minuto per la lettura

In Italia, finora, sono state inserite nella rete nazionale di farmacovigilanza 29 segnalazioni di trombosi venose intracraniche e 5 casi di trombosi venose in sede atipica, segnalate dopo la somministrazione del vaccino anti-Covid Vaxzevria* di AstraZeneca. La maggior parte di questi eventi (22 casi, 65%) ha interessato le donne con un'età media di circa 48 anni e solo in un terzo dei casi circa gli uomini (12 casi, 35%) con un'età media di circa 52 anni. Il tempo medio di insorgenza è stato di circa 8 giorni dopo la somministrazione della prima dose. E' quanto emerge dal quarto Rapporto di farmacovigilanza sui vaccini Covid-19 pubblicato dall'Agenzia italiana del farmaco, relativo alle segnalazioni di sospetta reazione avversa registrate tra il 27 dicembre 2020 e il 26 aprile.  

"La valutazione dei casi italiani di trombosi venosa intracranica e atipica in soggetti vaccinati con Vaxzevria - osserva l'Aifa in una nota - è in linea con le conclusioni della procedura dell’Agenzia europea dei medicinali".  

GUARDA ANCHE - Astrazeneca e rare trombosi: i sintomi da tenere sotto controllo

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli