Italia markets open in 1 hour
  • Dow Jones

    34.930,93
    -127,59 (-0,36%)
     
  • Nasdaq

    14.762,58
    +102,01 (+0,70%)
     
  • Nikkei 225

    27.775,37
    +193,71 (+0,70%)
     
  • EUR/USD

    1,1861
    +0,0014 (+0,12%)
     
  • BTC-EUR

    33.867,98
    -212,44 (-0,62%)
     
  • CMC Crypto 200

    939,66
    +9,73 (+1,05%)
     
  • HANG SENG

    26.249,43
    +775,55 (+3,04%)
     
  • S&P 500

    4.400,64
    -0,82 (-0,02%)
     

Al Festival dell'economia civile premiate startup recupero e turismo

I temi del recupero e del turismo si impongono tra le startup sostenibili premiate al Festival dell’economia civile a Firenze. A decretare i vincitori la giuria, insieme con il pubblico in sala che ha votato tramite la App del Festival. I riconoscimenti sono andati a Rifò, FairBnB e WeHop. Al primo posto Rifò, che ha vinto un premio di 6.000 euro. La startup Toscana di Prato nasce da un doppio recupero, quello del mestiere del ‘cenciaiolo’ - lo straccivendolo - e da quello degli abiti vecchi. La startup riesce a ottenere filo per maglioni, berretti, sciarpe, coperte, da qualsiasi materiale naturale rigenerandolo integrando anche bottiglie di plastica. Secondo, FairBnB sistema di prenotazioni turistiche tra privati, che si è aggiudicata 3.000 euro. La startup composta di giovani provenienti da tutta Europa reinveste come no profit sui territori in cui è presente. Terzo classificato WeHop, progetto di recupero degli scarti della birra artigianale per la produzione di pellet, che si è aggiudicato il premio di 1.000 euro. Più nel dettaglio la startup Rifò, attiva sul mercato da un paio di anni, produce maglieria e filati dal riciclo di scarti tessili sia pre-consumer (provenienti da aziende del territorio) che post-consumer (provenienti dagli utenti finali in tutta Italia tramite il sito online). I tessuti vengono trinciati e si ottiene una nuova fibra, la materia prima seconda, con la quale si produce un nuovo filato andando a ridurre il numero di rifiuti prodotti e destinati alla discarica. Rifò ha implementato una procedura di raccolta online dei capi da riciclare, offrendo la possibilità dopo l’acquisto di rendere i prodotti in cambio di un buono sconto sul loro prossimo capo. FairB&B; propone una piattaforma di home-sharing rivolta a tutti i turisti che vogliono viaggiare in maniera sostenibile con la comodità e il coinvolgimento del vero homesharing. Fairbnb permette di affittare un appartamento o una camera tramite una piattaforma che da una parte seleziona gli host in maniera da escludere agenzie e speculatori e dall’altra permette di donare metà della commissione a un progetto sociale di comunità nella città in cui si viaggia, come un crowdfunding dedicato a piccole ong e progetti sociali, che ricevono metà del ricavato. WeHop, infine, dagli scarti organici della birra artigianale produce pellet. Il luppolo, che costituisce l'80% degli scarti organici della produzione della birra, può essere riutilizzato per produrre pellet per ricavare energia e calore per gli impianti della birra artigianale, per riscaldare gli uffici o da immettere nella rete domestica locale.

I temi del recupero e del turismo si impongono tra le startup sostenibili premiate al Festival dell’economia civile a Firenze. A decretare i vincitori la giuria, insieme con il pubblico in sala che ha votato tramite la App del Festival. I riconoscimenti sono andati a Rifò, FairBnB e WeHop. Al primo posto Rifò, che ha vinto un premio di 6.000 euro. La startup Toscana di Prato nasce da un doppio recupero, quello del mestiere del ‘cenciaiolo’ - lo straccivendolo - e da quello degli abiti vecchi. La startup riesce a ottenere filo per maglioni, berretti, sciarpe, coperte, da qualsiasi materiale naturale rigenerandolo integrando anche bottiglie di plastica.

Secondo, FairBnB sistema di prenotazioni turistiche tra privati, che si è aggiudicata 3.000 euro. La startup composta di giovani provenienti da tutta Europa reinveste come no profit sui territori in cui è presente. Terzo classificato WeHop, progetto di recupero degli scarti della birra artigianale per la produzione di pellet, che si è aggiudicato il premio di 1.000 euro.

Più nel dettaglio la startup Rifò, attiva sul mercato da un paio di anni, produce maglieria e filati dal riciclo di scarti tessili sia pre-consumer (provenienti da aziende del territorio) che post-consumer (provenienti dagli utenti finali in tutta Italia tramite il sito online). I tessuti vengono trinciati e si ottiene una nuova fibra, la materia prima seconda, con la quale si produce un nuovo filato andando a ridurre il numero di rifiuti prodotti e destinati alla discarica. Rifò ha implementato una procedura di raccolta online dei capi da riciclare, offrendo la possibilità dopo l’acquisto di rendere i prodotti in cambio di un buono sconto sul loro prossimo capo.

FairB&B propone una piattaforma di home-sharing rivolta a tutti i turisti che vogliono viaggiare in maniera sostenibile con la comodità e il coinvolgimento del vero homesharing. Fairbnb permette di affittare un appartamento o una camera tramite una piattaforma che da una parte seleziona gli host in maniera da escludere agenzie e speculatori e dall’altra permette di donare metà della commissione a un progetto sociale di comunità nella città in cui si viaggia, come un crowdfunding dedicato a piccole ong e progetti sociali, che ricevono metà del ricavato.

WeHop, infine, dagli scarti organici della birra artigianale produce pellet. Il luppolo, che costituisce l'80% degli scarti organici della produzione della birra, può essere riutilizzato per produrre pellet per ricavare energia e calore per gli impianti della birra artigianale, per riscaldare gli uffici o da immettere nella rete domestica locale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli