Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.718,81
    -12,08 (-0,05%)
     
  • Dow Jones

    34.347,03
    +152,97 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    11.226,36
    -58,96 (-0,52%)
     
  • Nikkei 225

    28.283,03
    -100,06 (-0,35%)
     
  • Petrolio

    76,28
    -1,66 (-2,13%)
     
  • BTC-EUR

    15.807,39
    -167,70 (-1,05%)
     
  • CMC Crypto 200

    386,97
    +4,32 (+1,13%)
     
  • Oro

    1.754,00
    +8,40 (+0,48%)
     
  • EUR/USD

    1,0405
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • S&P 500

    4.026,12
    -1,14 (-0,03%)
     
  • HANG SENG

    17.573,58
    -87,32 (-0,49%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.962,41
    +0,42 (+0,01%)
     
  • EUR/GBP

    0,8595
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    0,9837
    +0,0023 (+0,23%)
     
  • EUR/CAD

    1,3906
    +0,0028 (+0,20%)
     

Al Museo Felice Casorati di Pavarolo apre la mostra 'De rerum natura'

(Adnkronos) - Lo Studio Museo Felice Casorati di Pavarolo apre la stagione espositiva autunnale con la mostra 'De rerum natura’, che presenta le opere di tre artiste internazionali: Antonietta Raphael (Kaunas, 1895 - Roma, 1975), Kiki Smith (Norimberga, 1954), Cindy Sherman (Glen Ridge, 1954), che inaugura sabato 1 ottobre dalle 16 alle 20. A partire dal giorno dopo, la mostra sarà aperta tutti i sabati e le domeniche dalle 15 alle 18,30 fino al 6 novembre. L’esposizione è realizzata dal Comune di Pavarolo e curata dall’Archivio Casorati grazie alla collaborazione con la Collezione Giuseppe Iannaccone di Milano. In linea con i progetti realizzati in questi anni, la mostra ‘De rerum natura’ mantiene vivo il dialogo tra presente e passato, tra la memoria dei luoghi in cui ha vissuto e lavorato Felice Casorati e gli sguardi e le ricerche di alcuni artisti contemporanei. Il percorso parte dalla dimora di Felice Casorati a Pavarolo, un piccolo e suggestivo paese alle porte di Torino: in questo luogo l’artista soggiornava durante i periodi estivi con la moglie Daphne Maugham e il figlio Francesco aprendo le porte a diverse figure di artisti e intellettuali che alimentavano l’energia del luogo.

“È proprio da questo decentramento spaziale che nasce l’idea della mostra - afferma Gloria Vergani, co-curatrice della Collezione Giuseppe Iannaccone - che analizza invece una dislocazione più intrinseca, più profonda, che verte al ritorno e al ricongiungimento dell’uomo con la natura e con il mondo interiore. All’interno dello Studio Museo Felice Casorati, si snoda un itinerario che racconta la storia di tre artiste donne, appartenenti ad epoche diverse, che hanno esse stesse storie differenti, ma che narrano nella maniera più autentica tutto ciò che accomuna l’uomo al suo legame profondo e congenito con la terra, le radici, la natura. Lungo tutto il percorso della mostra, si snoda un inaspettato itinerario che porta lo spettatore a guardare ad osservare dentro di sé il richiamo alla natura, alla veridicità, al coraggio di essere autentici, privi di sovrastrutture, in un luogo dove non serve forzatamente essere altro se non sé stessi, immersi in uno spazio in cui è importante unicamente stare”.

Nelle opere esposte il rapporto della figura umana con l’elemento naturale ed animale è indagato nelle sue dimensioni più profonde e viscerali sia da un punto di vista esistenziale che artistico: nella fusione materica e scultorea, nella prossimità fisica e sentimentale o nella visione di un rapporto ambiguo e indefinito. Lo studio di un artista è il luogo della creazione e della sperimentazione per eccellenza, l’ambiente dove avviene la formazione pura e genuina del proprio io. Per questo motivo accanto allo Studio Museo c’è anche uno ‘spazio satellite’ che comprende gli ambienti del giardino e della dimora Casorati. La Collezione Iannaccone, in collaborazione con Emporium Projects, presenta qui due giovanissimi artisti contemporanei: Chiara Di Luca (Milano, 1996) e Aronne Pleuteri (Erba, 2001), che creano una connessione con il Maestro e con i luoghi prediletti nell'ideazione delle sue opere. Questa unione dà luogo ad una serie di opere che indagano la relazione dei due artisti con la natura incontaminata che circonda Pavarolo e con la sensazione domestica e di quotidianità che si assapora negli spazi dell’abitazione storica di Felice Casorati.

Durante la settimana dell'arte a Torino, venerdì 4 novembre alle ore 11,30 Casa Casorati ospiterà un talk con il collezionista Giuseppe Iannaccone in dialogo con il direttore della Gam/ Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino Riccardo Passoni, il direttore della Venaria Reale Guido Curto, la curatrice e storica dell’arte, co-fondatrice di a.titolo Francesca Comisso, la storica e critica d’arte Elena Pontiggia. Il talk ha lo scopo di valorizzare e incrementare le collaborazioni tra importanti realtà museali del territorio e lo Studio Museo Felice Casorati, in particolare tramite il concetto di 'memoria’. Si parlerà delle dinamiche e dei rapporti sempre diversi nel corso degli anni con artisti, gallerie, collezionisti e istituzioni per sviscerare un "capitale umano" di storie e aneddoti molto prezioso e intrigante. L’esposizione è realizzata dal Comune di Pavarolo e curata dall’Archivio Casorati e dalla Collezione Giuseppe Iannaccone. I testi della mostra sono di Gloria Vergani e Daniele Fenaroli, curatori della Collezione Giuseppe Iannaccone. Il coordinamento della mostra è di Francesca Solero, co-curatrice dello Studio Museo Casorati, Pavarolo.