Italia markets open in 6 hours 55 minutes
  • Dow Jones

    30.937,04
    -22,96 (-0,07%)
     
  • Nasdaq

    13.626,06
    -9,93 (-0,07%)
     
  • Nikkei 225

    28.707,83
    +161,65 (+0,57%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • BTC-EUR

    26.597,62
    -101,68 (-0,38%)
     
  • CMC Crypto 200

    653,16
    +5,83 (+0,90%)
     
  • HANG SENG

    29.391,26
    -767,75 (-2,55%)
     
  • S&P 500

    3.849,62
    -5,74 (-0,15%)
     

Al via #ioapro, la protesta dei commercianti contro le chiusure imposte dal Dpcm

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
#ioapro (fonte: Facebook @ Ioapro1501)
#ioapro (fonte: Facebook @ Ioapro1501)

Si chiama "ioapro" l’iniziativa partita sui social che invita i commercianti e ristoratori di tutta Italia a rimanere aperti malgrado le chiusure imposte dal governo per limitare la diffusione dell’epidemia di Covid-19. Salvo imprevisti, la protesta dovrebbe partire venerdì 15 gennaio, ultimo giorno prima del nuovo Dpcm che riporterà il Paese alla divisione per colori.

"È una questione di sopravvivenza, siamo al punto di non ritorno, ma ci proviamo lo stesso", spiega in un video postato sul suo profilo Facebook Umberto Carriera, ristoratore di Pesaro e fra gli ideatori dell’iniziativa che ha già collezionato multe e sospensioni per essere rimasto aperto nonostante i divieti.

"Non è una protesta o una manifestazione di un giorno, è sopravvivenza: siamo al collasso, non possiamo più pagare dipendenti, bollette, mutui", continua Carriera, sottolineando "ci stanno contattando migliaia di persone, anche palestre, piscine e mondo dello spettacolo. E anche i cittadini ci sostengono, ci chiedono di riaprire".

E le sanzioni? "Ci stiamo tutelando grazie a una task force di 30 avvocati per i commercianti e anche per i clienti. Le loro multe le prendiamo noi, ci pensiamo noi a gestirle, e prepareremo centinaia di migliaia di ricorsi".