Italia markets open in 7 hours 9 minutes
  • Dow Jones

    34.764,82
    +506,50 (+1,48%)
     
  • Nasdaq

    15.052,24
    +155,40 (+1,04%)
     
  • Nikkei 225

    29.639,40
    -200,31 (-0,67%)
     
  • EUR/USD

    1,1745
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • BTC-EUR

    38.160,89
    +811,88 (+2,17%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.119,18
    +10,26 (+0,92%)
     
  • HANG SENG

    24.510,98
    +289,44 (+1,19%)
     
  • S&P 500

    4.448,98
    +53,34 (+1,21%)
     

Al via progetto Agrobridges del Crea, ponte produttori-consumatori

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 6 set. (askanews) - Ricerca, innovazione, tecnologia, network e formazione per una nuova connessione tra produttori e consumatori. Tutto ciò sarà possibile grazie ad Agrobridges, il progetto H2020 che mira a fornire agli agricoltori conoscenze pratiche e supporto per rafforzare la loro posizione nel mercato ed aumentare il reddito, attraverso nuovi modelli di business e marketing basati sulla Filiera Corta, in grado di ridurre le distanze fra il campo e la tavola e di soddisfare la richiesta di cibo locale, sicuro e di qualità. Con l'aggiunta, inoltre, di benefici economici, sociali e ambientali in un'ottica di sviluppo sostenibile.

In particolare, il progetto, grazie al suo approccio multi-attoriale, prevede una forte interazione con il territorio, grazie alla creazione di reti agroalimentari regionali (Piattaforme Multi attoriali: MAP), composte da produttori, consumatori, associazioni, distributori, rivenditori, università, enti pubblici e consulenti. L'obiettivo finale è di fornire un toolbox, un kit contenente materiali di comunicazione, programmi di formazione, un sistema di supporto decisionale per il produttore per scegliere il modello di business più sostenibile e strumenti digitali che collegano consumatori, produttori e distributori per la consegna intelligente.

Di tutto questo si discuterà oggi 6 settembre, in occasione del primo meeting con i partecipanti alla MAP italiana, identificati e coinvolti tra rappresentanti di Piemonte e Lazio di produttori, consumatori, ONG, università, enti pubblici, distributori/rivenditori e consulenti.

Il CREA, unico partner italiano del Progetto, ha il compito di identificare gli indicatori di sostenibilità economica, sociale e ambientale da utilizzare per la creazione di modelli di business più attenti all'ambiente e alla società. Il CREA, inoltre, grazie alla sua rete di contatti e di collaborazioni, è responsabile delle azioni di collegamento con altri progetti europei che si occupano di filiera corta e di sistema della conoscenza e innovazione in agricoltura (AKIS).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli