Italia markets open in 43 minutes
  • Dow Jones

    35.609,34
    +152,03 (+0,43%)
     
  • Nasdaq

    15.121,68
    -7,41 (-0,05%)
     
  • Nikkei 225

    28.714,03
    -541,52 (-1,85%)
     
  • EUR/USD

    1,1658
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • BTC-EUR

    55.554,40
    +216,34 (+0,39%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.530,09
    +49,28 (+3,33%)
     
  • HANG SENG

    25.915,82
    -220,20 (-0,84%)
     
  • S&P 500

    4.536,19
    +16,56 (+0,37%)
     

Alessandro Barbero: "Obbligo green pass preoccupa, è rischioso"

·1 minuto per la lettura
BOLOGNA, ITALY - OCTOBER 27: Italian historian and author Alessandro Barbero hold his speech at History International Festival at Europauditorium on October 27, 2019 in Bologna, Italy. (Photo by Roberto Serra - Iguana Press/Getty Images) (Photo: Roberto Serra - Iguana Press via Getty Images)
BOLOGNA, ITALY - OCTOBER 27: Italian historian and author Alessandro Barbero hold his speech at History International Festival at Europauditorium on October 27, 2019 in Bologna, Italy. (Photo by Roberto Serra - Iguana Press/Getty Images) (Photo: Roberto Serra - Iguana Press via Getty Images)

La sua firma sull’appello degli insegnanti contro il Green pass ha fatto scalpore, attirandogli contro tra le critiche più feroci, ma Alessandro Barbero non sembra preoccuparsene. Nel giorno in cui il Consiglio dei Ministri estende l’obbligo del certificato di lavoro a tutti i luoghi di lavoro, lo storico e divulgatore televisivo rincara la dose.

“Da sinistra l’idea di affidare alle aziende un compito di controllo sui loro lavoratori è una cosa rischiosa - sostiene - che va contro quello che la sinistra tradizionalmente ha cercato di evitare, cioè che gli imprenditori avessero troppo potere su quello che fanno i loro lavoratori. A me personalmente questo preoccupa, non è quello che avrei voluto”.

Le bacchettate del rettore dell’Università del Piemonte Orientale Gian Carlo Avanzi, il suo rettore, quelle di Massimo Gramellini sul Corriere della Sera e dell’amico costituzionalista Gustavo Zagrebelsky non hanno fatto cambiare idea al professore di Storia Medievale. “Io ho alcune idee piene di dubbi che sono maturate con fatica - taglia corto in occasione di un confronto a Torino con il candidato sindaco della Coalizione delle Sinistre Angelo D’Orsi -. Il poco che ho percepito delle obiezioni che mi sono state sollevate non mi sembravano tali da farmele cambiare”.

Il punto, per Barbero, è che “si stanno facendo cose che è legittimo che la sinistra consideri con qualche preoccupazione e su cui dovrebbe chiedere chiarimenti. “Siamo in un’epoca in cui ci preoccupiamo un pò all’idea che i governi possano esigere una fedeltà da parte dei cittadini senza assumersi a loro volta fino in fondo le loro responsabilità”, conclude Barbero, ribadendo in questo modo che, a suo dire, sarebbe stato meglio rendere obbligatorio il vaccino, a cui per altro non è affatto contrario.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli