Italia markets close in 47 minutes
  • FTSE MIB

    25.747,43
    +10,68 (+0,04%)
     
  • Dow Jones

    34.253,69
    -45,64 (-0,13%)
     
  • Nasdaq

    14.102,95
    +30,09 (+0,21%)
     
  • Nikkei 225

    29.291,01
    -150,29 (-0,51%)
     
  • Petrolio

    72,43
    +0,31 (+0,43%)
     
  • BTC-EUR

    32.388,22
    -894,02 (-2,69%)
     
  • CMC Crypto 200

    972,93
    -19,54 (-1,97%)
     
  • Oro

    1.860,00
    +3,60 (+0,19%)
     
  • EUR/USD

    1,2133
    0,0000 (-0,00%)
     
  • S&P 500

    4.244,46
    -2,13 (-0,05%)
     
  • HANG SENG

    28.436,84
    -201,69 (-0,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.149,55
    +6,03 (+0,15%)
     
  • EUR/GBP

    0,8593
    -0,0019 (-0,22%)
     
  • EUR/CHF

    1,0908
    +0,0016 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4760
    -0,0015 (-0,10%)
     

Alfonso (SIMEST): boom domande Fondo 394 elemento di ottimismo

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 8 giu. (askanews) - SIMEST, società del gruppo Cdp che sostiene l'export e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, ha dovuto chiudere dopo appena due giorni le richieste per il Fondo 394, dopo un boom di richieste che ha esaurito le nuove risorse pari a circa 2,1 miliardi di euro. E per Mauro Alfonso, amministratore delegato di SIMEST, si tratta di "elemento positivo e di ottimismo".

"La risposta delle aziende è stata enorme, in meno di due giorni abbiamo ricevuto oltre 8.000 richieste e questo ha dimostrato quanto le aziende siano attente alle tipologie di strumenti a disposizione e quanto questi strumenti siano adeguati a dare supporto all'internazionalizzazione", ha aggiunto intervenendo al panel dell'evento del Sole24Ore dedicato al Made in Italy.

"Se nel 2020 la maggior parte delle richieste erano per la patrimonializzazione, cioè per far fronte a problemi di liquidità, quello che sorprende ora è che la parte più consistente è stata richiesta per l'inserimento in nuovi mercati, cioè per la creazione di strutture stabili all'estero di natura commerciale e produttiva - ha aggiunto Alfonso - si tratta di un miliardo sui 2,1 miliardi di dote complessiva del Fondo".