Italia markets close in 1 hour 33 minutes
  • FTSE MIB

    24.741,81
    +131,52 (+0,53%)
     
  • Dow Jones

    34.538,18
    -51,59 (-0,15%)
     
  • Nasdaq

    11.546,67
    +78,67 (+0,69%)
     
  • Nikkei 225

    28.226,08
    +257,09 (+0,92%)
     
  • Petrolio

    82,80
    +2,25 (+2,79%)
     
  • BTC-EUR

    16.247,33
    +124,11 (+0,77%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,86
    -1,29 (-0,32%)
     
  • Oro

    1.813,20
    +53,30 (+3,03%)
     
  • EUR/USD

    1,0527
    +0,0119 (+1,15%)
     
  • S&P 500

    4.098,73
    +18,62 (+0,46%)
     
  • HANG SENG

    18.736,44
    +139,21 (+0,75%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.983,64
    +18,92 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8564
    -0,0060 (-0,70%)
     
  • EUR/CHF

    0,9867
    +0,0031 (+0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,4135
    +0,0170 (+1,21%)
     

Alimentazione, Lucchin (Adi): 'Donne strategiche per fronteggiare criticità'

(Adnkronos) - "Tra una ventina d'anni saremo quasi 9 miliardi. Ci sarà da mangiare per tutti? Tutti vorranno alimentarsi, possibilmente nutrirsi, senza comprendere a pieno la differenza tra le due cose. Tutti vorranno continuare a godere del benessere medio raggiunto e per questo entreranno in competizione per cibo, acqua e altre materie prime. Diventa quindi urgente e prioritario occuparsi, nell'immediato, di una criticità che non è più rimandabile e le donne in questo possono giocare un ruolo importantissimo. L'esperienza di ogni donna è preziosa e necessaria per fermare questa situazione paradossale". Così, Lucio Lucchin, past president Adi, Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica, durante il XIX Corso nazionale, dedicato alla medicina di genere e al ruolo della nutrizione nella salute della donna, in programma fino a domani a Pescara.

"Nella recente pandemia e, ora, con il conflitto russo-ucraino - continua Lucchin - stiamo vedendo" un crescendo nelle contese. "Prima di essere terrorizzati della prospettiva di mangiare insetti o preoccuparci di dove andare a reperire le risorse - sottolinea - dobbiamo decidere di forzare la naturale pigrizia del nostro cervello per definire meglio le priorità della vita e innalzare il livello culturale e di sensibilizzazione attorno all'emergenza alimentare".

Nella maggior parte delle culture - si legge in una nota diffusa da Adi - le donne hanno fornito un contributo fondamentale all'educazione dell'individuo e, soprattutto, hanno sempre provveduto alla preparazione del cibo e curato la provenienza e la qualità degli alimenti. Una responsabilità oggi più che mai strategica per garantire la biodiversità e un'alimentazione sostenibile. Quest'ultima è una condizione fondamentale per rispondere in modo adeguato alla crescita della popolazione e alla carenza di risorse, oltre che per contrastare il divario tra spreco e malnutrizione, che divide il mondo in due parti. Da una parte chi soffre la carenza di cibo, dall'altra che soffre per l'eccessivo consumo di alimenti ricchi di grassi e zuccheri.

"Le donne - ricorda Lucchin - da sempre sono più attente alla qualità del cibo, si informano, prediligono maggiormente cibi vegetali, più fibra alimentare e meno grassi, mentre gli uomini sono più portati a consumare carne rossa e ad assumere porzioni più abbondanti. Le donne, per prime devono essere coscienti dell'importanza della loro funzione educativa e di madre, promuovendo le migliori scelte alimentari per la famiglia nell'ottica di prevenire quelli che domani si potrebbero manifestare come disturbi alimentari".