Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.912,42
    -357,67 (-1,14%)
     
  • Nasdaq

    12.762,98
    -234,77 (-1,81%)
     
  • Nikkei 225

    28.930,11
    -628,99 (-2,13%)
     
  • EUR/USD

    1,1976
    -0,0091 (-0,75%)
     
  • BTC-EUR

    40.236,97
    -3.000,64 (-6,94%)
     
  • CMC Crypto 200

    967,31
    -19,90 (-2,02%)
     
  • HANG SENG

    29.236,79
    -643,63 (-2,15%)
     
  • S&P 500

    3.774,03
    -45,69 (-1,20%)
     

Alitalia, stipendi di febbraio in ritardo. Il Mise chiede un incontro al Mef e al Mit

Federica Olivo
·Giornalista, Huffpost
·2 minuto per la lettura
Un aereo Alitalia (Photo: Ansa)
Un aereo Alitalia (Photo: Ansa)

Cresce la preoccupazione per Alitalia. Il ministero dello Sviluppo economico ha contattato oggi il ministero dell’Economia e quello delle Infrastrutture e dei trasporti per chiedere un incontro urgente per discutere del dossier Alitalia.

Mentre il governo con il titolare del Mise Giancarlo Giorgetti studia da vicino il dossier, arriva un nuovo allarme per i lavoratori, con un rinvio per il pagamento degli stipendi. Gli emolumenti dei dipendenti per il mese di febbraio verranno infatti pagati in ritardo, come già successo a dicembre. E sarebbe anche a rischio l’anticipo della prestazione di CIGS -base, così come previsto dagli accordi sottoscritti in sede ministeriale. Le pessime notizie arrivano da Fiumicino, dove il commissario straordinario Giuseppe Leogrande ha incontrato nel pomeriggio i sindacati per fare un punto sui problemi di cassa. Nessun accenno a Ita (che vede sempre più lontano il suo decollo), ma la constatazione che la realtà economica continua ad essere molto problematica, visto che il mercato continua ad essere ridotto di oltre il 70% causa Covid.


I soldi a disposizione stanno terminando e senza l’ok dall’Ue non possono arrivare i quasi 55 milioni di fondi di ristoro per la pandemia. Il risultato? Una “situazione aziendale in costante e drammatico peggioramento”, come spiegano in una nota unitaria Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl. “C’è il rischio che l’azienda non riesca ad anticipare la cassa integrazione. In questo caso i lavoratori dovrebbero aspettare l’Inps”, spiega preoccupato a LaPresse il segretario della Fit Cisl, Salvatore Pellecchia.
“Leogrande ha comunicato che ci saranno degli effetti sugli stipendi di febbraio che saranno sicuramente in ritardo e si andrà alla prima settimana di marzo”, ha aggiunto.

Le sigle sindacali chiedono con forza “l’apertura immediata di un tavolo di confronto che possa trovar...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.