Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.124,91
    +319,70 (+1,29%)
     
  • Dow Jones

    35.061,55
    +238,20 (+0,68%)
     
  • Nasdaq

    14.836,99
    +152,39 (+1,04%)
     
  • Nikkei 225

    27.548,00
    +159,80 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    72,17
    +0,26 (+0,36%)
     
  • BTC-EUR

    28.480,15
    +826,62 (+2,99%)
     
  • CMC Crypto 200

    786,33
    -7,40 (-0,93%)
     
  • Oro

    1.802,10
    -3,30 (-0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,1770
    -0,0003 (-0,02%)
     
  • S&P 500

    4.411,79
    +44,31 (+1,01%)
     
  • HANG SENG

    27.321,98
    -401,86 (-1,45%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.109,10
    +50,05 (+1,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8561
    +0,0014 (+0,17%)
     
  • EUR/CHF

    1,0819
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,4784
    +0,0003 (+0,02%)
     

Alla fine anche l'Italia firma contro l'Ungheria

·1 minuto per la lettura
Ansa (Photo: Ansa)
Ansa (Photo: Ansa)

Una firma che ha richiesto una giornata intera. È quella del governo italiano in calce alla dichiarazione congiunta di 13 Paesi europei contro la legge ungherese anti Lgbtiq, incluse Germania e Francia. Sono le otto della sera quando il sottosegretario agli Affari europei Enzo Amendola twitta: “A fine Consiglio Affari Generali non sono arrivati chiarimenti soddisfacenti dall’Ungheria sulle leggi approvate che producono discriminazioni in base all’orientamento sessuale. Per questo, dopo dibattito, anche l’Italia ha firmato la richiesta degli altri 13 stati membri dell’Ue”.

Nelle ore precedenti il governo si era perso in un bicchier d’acqua, con un rimpallo di responsabilità dall’uno all’altro ministero, dall’uno all’altro partito di maggioranza senza che nessuno volesse lasciare le impronte su una decisione iniziale che era stata comunque quella di non aderire alla lettera dei 13. “L’Italia, non ha mai fatto mancare sostegno ai diritti Lgbtiq a livello europeo”, spiegava il sottosegretario, trincerandosi dietro una motivazione formale: senza aver audito gli ungheresi, la firma sarebbe stata interpretabile come uno svuotamento delle procedure dell’Unione.

“Devi anche fare i conti con una maggioranza variegata”, spiegava una fonte di governo. Ecco che i sospetti cadevano subito sulla Lega. Ma qualificate fonti del Carroccio rispondevano: “Noi non c’entriamo nulla, non ne abbiamo parlato e non ci sono arrivate né sollecitazioni né richieste in tal senso”. Allora forse i 5 stelle, anche se i 5 stelle sul fronte dei diritti da sempre manifestano sensibilità molto differenti da quelle del vecchio alleato di un tempo. E invece no, ecco la capodelegazione pentastellata Al Parlamento europeo Tiziana Beghin tuonare contro la Lega: “Dica da che parte sta, noi quell’iniziativa la condividiamo”. Dalla Lega, ch...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli